Domenica 16 Dicembre 2018 | 21:11

GDM.TV

Il calcio preme, poi si adegua

Calcio - palloneIl lupo perde il pelo, ma non il vizio. I fatti di Catania hanno determinato una risposta immediata e dura delle istituzioni, comprese quelle sportive, ma dal mondo del calcio continuano le pressioni (il ministro dell'Interno, Giuliano Amato, se le aspettava...). Intendiamoci, i club hanno il diritto di difendere i propri interessi. Del resto, l'apertura agli abbonati, in caso di adeguamento parziale al decreto Pisanu (giustissimo pretendere prefiltraggi, tornelli, meccanismo automatico per i biglietti nominali e assicurazioni sui controlli agli ingressi), è una adeguata concessione nei confronti di chi chiede non venga penalizzata la parte migliore del tifo.
I presidenti, però, tendono a insistere. In alcuni casi, i motivi ci sono davvero, come per gli stadi rispetto ai quali soltanto gli enti proprietari possono intervenire per concludere i lavori (che allora predispongano procedure straordinarie). L'atteggiamento giusto, però, è sì quello di porre la questione, ma anche di prendere atto dell'eccezionalità delle misure prese e adeguarsi (come poi è stato fatto, dando un segnale di maturità e civiltà). Di sicuro, sarebbe inaccettabile se qualcuno si volesse nascondere dietro le esigenze degli abbonati («chiediamo più tutela per loro, mi sembra doveroso. È gente che ha pagato prima», ha giustamente affermato il presidente dell'Atalanta, Ivan Ruggeri) con altri reconditi scopi (innanzitutto salvaguardare i bilanci: le società rischiano la richiesta di risarcimento da parte dei tifosi, per non parlare delle televisioni, che potrebbero voler ridiscutere la parte economica dei contratti, vista soprattutto la decisione di non far disputare partite serali).
Mentre il ministro Giovanna Melandri chiede collaborazione, i presidenti, per cercare di avere più peso (e non prendersi da soli l'eventuale responsabilità di fermarsi), chiedono l'aiuto dei giocatori, i quali si dicono disponibili. Ma il ragionamento dell'Assocalciatori, così come posto da Cristiano Lucarelli del Livorno, potrebbe forse apparire arrogante. Si dovrebbe sostenere «siccome la decisione delle autorità comporta (come dato di fatto - ndr) che alcune gare si giochino a porte aperte e altre a porte chiuse, riteniamo sia giusto fermarci per non intaccare il regolare svolgimento dei campionati». Invece, il concetto sembrerebbe assumere i toni del ricatto quando si dice: «Rispettiamo le decisioni del Governo, ma noi calciatori chiediamo che non ci siano discriminazioni tra stadi aperti e chiusi: altrimenti, potremmo anche fermarci noi per riflettere ancora una domenica». Ipotesi che sembra scongiurata.
G. Flavio Campanella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia