Lunedì 10 Dicembre 2018 | 01:08

GDM.TV

i più visti della sezione

Un vertice al Viminale: le decisioni a mercoledì

ROMA - «Io non mi muovo da qui. Non posso vedere che accadano cose come quelle di Catania». È quanto avrebbe detto il ministro dell'Interno Amato, nel corso del vertice sulle misure contro la violenza negli stadi al Viminale con i rappresentanti della Lega calcio. Ai vertici sportivi, secondo quanto si apprende, Amato ha ribadito la piena collaborazione e disponibilità del Governo al dialogo.

PANCALLI RIBADISCE «DECIDO DOMANI»
«Sono una persona coerente, avevo già detto che avrei atteso il Consiglio straordinario dei Ministri per decidere e non cambio idea». Il Commissario Straordinario della Figc, Luca Pancalli al termine del vertice al Viminale con le competenti del calcio ed i Ministri Amato e Melandri, ribadisce di voler attendere le decisioni del Governo attese per domani pomeriggio prima di decidere l'eventuale ripresa dei campionati dal prossimo fine settimana. «Sarà giovedì l'osservatorio del Viminale - ha proseguito Pancalli - a decidere quali stadi sono a norma e quali no, non ci saranno più deroghe». Pancalli sulla riunione ha anche sottolineato che: «c'è stata collaborazione e condivisione dei problemi ed anche autorevolezza da parte del Governo».

MELANDRI: «NO STADI FUORI NORMA»
«Non si utilizzeranno stadi fuori dalle norme vigenti». Lo ha precisato, al termine del vertice al Viminale, il ministro dello sport Giovanna Melandri.
«Abbiamo trovato un ascolto responsabile ed attento - ha proseguito il Ministro Melandri - ed una condivisione di sostanza delle scelte del Governo. Domani il Consiglio dei Ministri alle 17.00 varerà un provvedimento articolato con delle misure di immediata applicazione per decreto legge assieme ad una verifica della situazione inerente agli stadi italiani. Solo ad accertamento effettuato, e qualora tutto sia in regola con le norme vigenti, vi sarà la riapertura». «A tutti bisogna dire - ha concluso la Melandri - che la decisione sulla ripresa del campionato non spetta al governo ma agli organi sportivi. Il Governo deve garantire la sicurezza piena a tutti i cittadini, i tifosi e le forze dell'ordine. Abbiamo in mente un modello di gestione diverso».

Al Vertice, presieduto dal ministro dell'Interno, Amato, hanno preso parte il ministro dello sport, Giovanna Melandri, il vice ministro Marco Minniti e il capo della Polizia, Gianni De Gennaro. Per il calcio erano presenti il commissario della Figc Luca Pancalli, il vice commissario Gigi Riva, il presidente della Lega, Antonio Matarrese, vice presidente, Rossella Sensi e il presidente della Lega calcio di serie C Mario Macalli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti

 
Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
Porto di Taranto, ecco l' ingresso spettacolare della portaerei Cavour

Porto di Taranto, ecco l'ingresso spettacolare della portaerei Cavour