Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 03:05

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Stupra bimba di un anno: arrestato

PALERMO - Uno di 38 anni, posto in stato di fermo dalla polizia a Palermo, ha confessato di aver violentato una bambina di un anno. Il pedofilo è stato identificato in poche ore di indagini dagli investigatori della sezione Reati in danno di minori e sessuali della Squadra Mobile, dopo che la bambina era stata portata in ospedale dai familiari.
L'indagato era stato fermato nel pomeriggio di ieri, e dopo un lungo interrogatorio nella notte ha ammesso le sue responsabilità. La vittima è la figlia della sua convivente.
La vicenda era iniziata nella mattinata di ieri, dopo la segnalazione pervenuta dai medici dell'ospedale in cui la bimba era stata accompagnata dalla madre e dalla nonna, in preda a copiose emorragie genitali. I sanitari avevano subito riscontrato che il sanguinamento veniva da gravi lacerazioni e lesioni degli organi genitali, inequivocabilmente prodotti da uno stupro.
I poliziotti hanno avviato gli interrogatori dei familiari e dei loro amici, e i sospetti si sono subito indirizzati verso il trentottenne convivente della madre della bimba. La piccola gli era stata affidata, e l'uomo, finora incensurato, era rimasto per qualche ora da solo con lei. L'indagato inizialmente aveva fornito una versione poco credibile sulle emorragie della piccola, ma nel corso dell'interrogatorio è crollato e ha confessato davanti al pm Sinatra, che ne ha disposto il fermo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400