Giovedì 13 Dicembre 2018 | 18:22

GDM.TV

L'odissea degli ostaggi italiani

ROMA - Il tecnico petrolifero Roberto Dieghi liberato ieri sera era stato rapito il 7 dicembre scorso nel corso di un attacco a una stazione di pompaggio gestita dall'Agip in Nigeria, nel Delta del Niger. Con lui un commando armato di guerriglieri nigeriani aveva sequestrato altri due lavoratori italiani e un libanese. Ecco una cronologia della vicenda.
Il 7 dicembre - I nigeriani, tutti a volto coperto, arrivano a bordo di sei-sette lance e dapprima tentano di fare irruzione nell'impianto di Brass, da dove vengono esportati circa 200.000 barili di greggio al giorno, ma vengono respinti dal fuoco dei militari di guardia. Si dirigono allora verso gli alloggi di lavoratori e prendono in ostaggio gli italiani Francesco Arena (area manager), 54 anni di Gela; Cosma Russo, 55 anni, di Bernalda (Matera), e Roberto Dieghi (entrambi contrattisti Naoc), nonchè il libanese Imad S. Abed dipendente di una società di catering.
8 dicembre - Un portavoce del Movimento per l'emancipazione del delta del Niger (Mend) rivendica il sequestro e informa che i tre italiani e il libanese sono «in buona salute», ma annuncia che è disposto a trattenere gli ostaggi «per anni», se sarà necessario per vedere soddisfatte le sue rivendicazioni.
13 dicembre - Roberto Dieghi, come in precedenza il suo collega Francesco Arena, in una telefonata all'agenzia France Presse informa che «Va tutto bene. Siamo Ok».
15 dicembre - Uomini armati attaccano un impianto petrolifero della Shell sul fiume Nun in Nigeria, e prendono in ostaggio diverse persone, tra soldati e operai.
20 dicembre - Il Mend accusa l'Eni di aver dato dei soldi a dei «truffatori» per ottenere la liberazione dei quattro ostaggi e minaccia che questa può essere una mossa pericolosa per la loro vita.
Il giorno di Natale il Mend invia un'allarmante mail al Corriere della sera chiedendo l'urgente invio di un medico perchè uno degli ostaggi è «gravemente ammalato».
28 dicembre - Gli ostaggi italiani, in tre distinte telefonate ai familiari dicono di stare bene.
1 gennaio 2007 - Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano condivide «l'ansia e la preoccupazione» delle famiglie dei tre tecnici italiani e invia loro «uno speciale augurio di buon anno» auspicando che «tornino presto a casa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori