Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 10:15

GDM.TV

i più visti della sezione

Inaugurazione anno giudiziario Tar - Il sindaco di Lecce, Adriana Poli Bortone: difficile amministrare la cosa pubblica secondo corretti criteri di giustizia

LECCE - Il sindaco di Lecce, Adriana Poli Bortone, parlando a braccio durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario al Tar del capoluogo salentino, ha evidenziato le difficoltà dinanzi alle quali, a suo giudizio, il pubblico amministratore si trova spesso rispetto alla necessità di agire secondo corretti criteri di giustizia.
«In questi anni di amministratore comunale - ha affermato il sindaco Poli Bortone - ho avvertito i limiti dell'amministratore nell'agire sempre rispetto a canoni di giustizia, tant'è che - anche se i dati dicono che la conflittualità è diminuita - esiste ancora una forte conflittualità che deriva dalle nuove emergenze. Tra queste - ha sottolineato il sindaco - c'è tutto il conflitto che indubbiamente esiste in tema di rifiuti, cioè in quella grossa emergenza che abbiamo in Puglia e che impone delle scelte e dei percorsi che probabilmente non sempre sono i più giusti nei riguardi dei cittadini e nei riguardi delle amministrazioni».
Adriana Poli Bortone ha poi fatto notare come «non sia assolutamente facile, oggi, mettere insieme le esigenze del cittadino con quelle più ampie della collettività. Il singolo ha le sue esigenze che non sempre collimano con quelle della collettività e non sempre le amministrazioni riescono a dare le risposte più eque, pur nell'onesta ricerca di una strada che possa evitare la conflittualità. Ritengo che il Tar sia per l'amministratore un elemento di giustizia reale, ma l'amministratore avverte il limite della normativa attuale. Il fatto che siano stati annullati i sistemi dei controlli e che ci si affidi quasi esclusivamente ai controlli interni alle amministrazioni stesse - ha lamentato Poli Bortone - lo giudico come un fatto non del tutto positivo, forse perchè non siamo pronti, all'interno della nostra struttura amministrativa a dare queste risposte che sarebbero di altissima responsabilità. Io lo dico a conclusione di questa mia attuale esperienza amministrativa: ritengo che sul sistema dei controlli - ha concluso il sindaco - ci debba essere un ripensamento, perchè è vero che il Tar ci dà degli indirizzi fortissimi, per esempio indicando forme di partenariato, ma non è facile agire in assenza di controlli oggettivi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia