Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 09:17

GDM.TV

i più visti della sezione

Il vertice di Caserta ed i fondi per il Sud - Netta bocciatura dai rappresentanti della "Casa delle libertà"

Renato Schifani, presidente senatori Forza Italia
«Fumata nera al conclave di Caserta. Anche sul Sud. Dopo aver bloccato il Ponte di Messina e aver penalizzato il Mezzogiorno con una manovra disastrosa, Prodi e compagni ora sono in grado di produrre solo un incerto stanziamento di fondi, ripartito su 7 anni, dal valore puramente simbolico». Lo dice il presidente dei senatori di Forza Italia, Renato Schifani.
«Saranno solo le Finanziarie - aggiunge - gli strumenti idonei ad impegnare le somme e non le delibere casertane. Più che di buone intenzioni, si tratta di cattive promesse che non saranno mantenute. Un assegno neppure postdatato, parole al vento di Caserta. La verità è che ministri ed i leader dell'Unione hanno deciso di non decidere, come era facile prevedere. Tutto è rimandato alle calende greche, per non irritare la sinistra radicale, sempre più padrona assoluta di una coalizione dove i riformisti contano poco o nulla, come le dimissioni di Nicola Rossi hanno ampiamente testimoniato. Prodi poi non convince nessuno con le sue chiacchiere prevedibili e i suoi distinguo su un'unità del centrosinistra che non c'è e mai ci sarà. Non c'è nella sostanza e neppure nella forma».
«Caserta - conclude - e il documento che ne è scaturito segnano una pericolosa marcia indietro per il nostro Paese. Non ci sarà alcuna accelerazione sulle riforme, ma solo continui slittamenti, per evitare che le contraddizioni vengano alla luce in tutta la loro evidenza. L'unica speranza per l'Italia è che questo governo, che i cittadini già non vogliono più, vada presto a casa».

Gianni Alemanno (Alleanza Nazionale)
«Nessuno si faccia illusioni: i cento miliardi stanziati dal Consiglio dei Ministri di oggi per il mezzogiorno sono in larghissima parte virtuali. Lo avevamo già rilevato durante l'approvazione della Finanziaria, quasi tutti questi 100 miliardi sono previsti come stanziamento dopo il 2009 ovvero dopo la valenza triennale della legge di bilancio». È quanto dichiara Gianni Alemanno. «Stanziare soldi dal 2010 in poi - prosegue Alemanno - significa promettere risorse che sono puramente sulla carta perché non hanno nessun valore di legge né di impegno di spesa. Gli unici reali sono i soldi degli stanziamenti europei su cui però l'attuale governo non ha nessun merito da vantare». «Che il vertice di Caserta si concluda con questo piccolo sotterfugio - conclude l'esponente di An - la dice lunga sulla povertà di contenuti e di scelte politiche che lo ha caratterizzato».

Raffaele Fitto (responsabile per il Mezzogiorno di Forza Italia) Raffaele Fitto
«Le uniche attività ascrivibili al Governo Prodi per il Sud sono la riduzione del Fas e l'obbligatorio cofinanziamento dei Fondi Europei 2007 - 2013, che poi il Consiglio dei Ministri si riunisca a Palazzo Chigi o nella Reggia di Caserta non cambia molto, l'attività preferita di questo Governo rimane quella di dare solo l'idea che si sta lavorando alacremente».
Il responsabile Mezzogiorno di Forza Italia, Raffaele Fitto denuncia una «spettacolarizzazione del nulla» , a suo parere, infatti, «quei 122 miliardi» destinati al Sud «sono la somma della quota obbligatoria di cofinanziamento statale dei Fondi Europei 2007 - 2013 la cui entità è stata l'ultimo grande atto di programmazione del Governo Berlusconi e del Fas». Fitto, parlando dei Fas, ricorda che «i 63 miliardi sono sì destinati anche al Mezzogiorno ma entro il 2015, mentre per il 2007 il Fas è la metà rispetto all'anno scorso, ossia poco meno di 5 miliardi contro gli 8 del 2006».
«Sentiamo poi dire che la Finanziaria di Prodi pensa allo sviluppo - rileva ancora l'esponente di Forza Italia - la vera novità di quest'anno è che la correlazione è negativa perché la Finanziaria avrà un effetto depressivo sullo sviluppo come dimostrano le previsioni di crescita per il 2007, inferiori di quasi mezzo punto rispetto a quelle del 2006».
«Con una grande operazione di immagine e di vendita di fumo si vuol poi far pensare che dal Cipe arrivino ulteriori fondi per il Mezzogiorno e per la Puglia - denuncia ancora Fitto - senza spiegare che il Cipe altro non fa che approvare il Quadro Strategico Nazionale con cui si ripartiscono i Fondi Comunitari. Quindi i soldi sono sempre gli stessi, arrivano dall'Unione Europea e sono di più rispetto ai sette anni precedenti perché il Governo Berlusconi ha condotto una battaglia in favore delle Regioni dell'Obiettivo uno. Il resto è demagogia. Che la si faccia da Roma o da Caserta non cambia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia