Giovedì 21 Gennaio 2021 | 07:20

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

La forca che ha ucciso il rais divide il mondo arabo-islamico

la statua di Saddam abbattuta dagli americaniROMA - Amato e odiato in vita, anche da morto Saddam Hussein divide il mondo arabo-islamico su linee religiose e politiche, dove si intersecano le fratture sciiti-sunniti e le componenti dell'anti o filoamericanismo di governi e popolazioni. «Che tu raggiunga il paradiso o padre dei martiri!». pur impegnati nei riti del primo giorno della grande Festa del Sacrificio, i fedeli sunniti hanno trovato il tempo di salutare sul web, da decine di forum di siti integralisti, il 'rais' Saddam Hussein nel suo ultimo viaggio.
«Invito a tutti i seguaci dell'eroe martire, il rais Saddam Hussein», è il titolo di un altro intervento in cui si esorta a scatenare tutta la «furia» della jihad contro «il cane Bush» e i leader dell'attuale governo iracheno, a cominciare dal premier, sciita, Nuri al Maliki.
E sugli sciiti - chiamati spregiativamente 'rafidà, rinnegati, voltagabbana - si abbatte l'ira di un altro internauta che denuncia i loro «festeggiamenti» per la «morte di Saddam», mentre il Baas, l'ex partito unico al potere, invita a colpire «americani e iraniani».
Nella realtà virtuale degli estremisti sunniti l'ex presidente iracheno impiccato stamani viene celebrato con parole del linguaggio religioso - lui che era un 'laicò e mai aveva appoggiato l'integralismo - e come simbolo della lotta agli americani «occupanti» e ai loro «agenti» sciiti.
La tv irachena Al Iraqia, controllata dal governo a maggioranza sciita, ha passato i servizi sull'esecuzione chiamando Saddam «tiranno» e mostrato solo immagini di persone festanti. Ben diversamente la tv qatariota Al Jazira, che lo chiama sempre 'l'ex presidente iracheno' e gli riserva un trattamento da importante capo di Stato.
Se scontata era la reazione nel non arabo e sciita Iran - «una vittoria per gli iracheni»- la divisione sunniti/sciiti si sfuma nei conflitti politici:in Kuwait ha prevalso la memoria dell'occupazione irachena del '90 e la gente ha esultato.
I palestinesi di Gaza e della Cisgiordania hanno pianto il loro «eroe» e «benefattore», ma nel Libano, dove sunniti e sciiti cercano una non facile convivenza, lo sheikh sciita Hassan Abdallah - vicino agli Hezbollah ma presidente del Consiglio degli ulema sciiti e sunniti - ha misurato le parole. Saddam Hussein «meritava la morte», ha affermato all'Ansa, ma era meglio rimandare processo e condanna «finchè c'è (in Iraq) l'occupazione che legittima la decisione del tribunale». La sua morte, afferma ancora, segna comunque «la fine di un periodo tremendo per l'Iraq e la regione», per i «crimini» da lui commessi contro «tutto il popolo iracheno», sciiti e sunniti senza distinzione.
Nell'Egitto sunnita gli intervistati dalle varie tv arabe hanno soprattutto deprecato l'esecuzione avvenuta il primo giorno dell'Aid al Adha, come buona parte dei pellegrini di ogni provenienza intervistati alla Mecca durante gli ultimi riti del grande pellegrinaggio annuale. «Un insulto a tutti i musulmani» è anche il titolo di apertura del 'notiziariò on line di un noto sito islamico.
Il Cairo, insieme alla prudente Arabia Saudita - due Paesi capofila del fronte anti-Saddam durante la prima guerra del Golfo - si sono appigliati proprio al fatto che l'esecuzione sia avvenuta all'inizio della Festa, cosa che hanno «deplorato», per le loro prime reazioni ufficiali in cui hanno cercato una sintonia con i sentimenti della popolazione.
In chiave anti-americana sono le proteste in Paesi non arabi, come l'India, dove le manifestazioni hanno visto in strada musulmani e militanti comunisti, e il Pakistan, alleato degli Stati Uniti, ma dove molto forti sono gruppi integralisti sunniti.
Beatrice Marchesi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400