Domenica 17 Gennaio 2021 | 08:17

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Biancheri: l'editoria rischia la fine di Alitalia

ROMA - «La situazione dell'editoria è paragonabile a quella dell'Alitalia di dieci anni fa. O il settore di ristruttura e si trovano le basi anche contrattuali per farlo, altrimenti nel giro di 5-6-7-8-9 anni, senza provvedimenti seri, rischia di finire come altri comparti di interesse pubblico a rischio chiusura». Il presidente della Fieg, Boris Biancheri, ha sintetizzato così lo stato dell'arte del comparto editoriale a margine dell'audizione in commissione Cultura alla Camera, promossa dal presidente Pietro Folena per fare il punto sulla vertenza per il rinnovo del contratto giornalistico alla vigilia della possibile proclamazione di nuovi scioperi.
Davanti alla commissione, Biancheri ha sostanzialmente ribadito che in questo momento non ci sono le condizioni per aprire un confronto tra le parti, perché «una trattativa che è stata interrotta due volte, che presenta alle spalle tredici, e forse tra tre giorni, sedici giorni di sciopero, se ci si siede al tavolo bisogna avere la certezza che si concluda. Se non si conclude si rischia che salta l'idea di un contratto nazionale, cosa che assolutamente dobbiamo cercare di evitare. E' successo in altri Paesi come la Germania».

Tornando al parallelo con Alitalia, Biancheri ha paragonato gli effetti della concorrenza delle compagnie low cost a quelli di Internet e della free press: «Negli ultimi anni - ha detto - una mano al settore l'hanno data i prodotti collaterali, che però quest'anno hanno conosciuto una caduta verticale». Nel frattempo, comunque, «gli editori applicano il contratto passato: gli scatti fanno sì che la retribuzione media sia cresciuta in un anno, prendendo la cifra più bassa, del 2.9%, cioè lo 0.9% in più rispetto all'inflazione».
In ogni caso, comunque, ha sottolineato il presidente degli editori, «si è creata oggi in commissione Cultura un'occasione di dialogo fruttuoso». Pur restando fermo il no al tavolo delle trattative, «pensiamo a possibili iniziative di contatto», ha concluso, senza aggiungere altri dettagli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400