Giovedì 13 Dicembre 2018 | 19:17

GDM.TV

«Questa finanziaria farà calare per il 2007 il Prodotto interno lordo»

ROMA - La Finanziaria rischia di incidere negativamente sul pil 2007 già atteso in calo rispetto a quest'anno. È quanto stima il Centro Studi di Confindustria che, per l'anno prossimo, prevede un pil all'1,4%, che potrebbe però scontare un'ulteriore contrazione dello 0,3% per il peso delle misure previste dalla manovra. «Nel 2007 - sostiene il Csc - la crescita del Pil scenderà intorno all'1,4%», ma «l'effetto restrittivo della manovra su consumi e investimenti e, di conseguenza, sull'import, dovrebbe comportare una riduzione della crescita di circa 3 decimi di punto percentuale».
«Nel 2007 - scrive infatti il centro studi di Confindustria nelle sue Note economiche - si avrebbe una decelerazione della crescita del Pil. Nel primo trimestre la crescita scenderebbe allo 0,2% congiunturale, per poi risalire lievemente allo 0,3% a trimestre nella seconda metà dell'anno. Nella media del 2007 l'economia italiana dovrebbe crescere intorno all'1,4 %, vicino al tasso potenziale».
Il rischio però - secondo Confindustria - è che gli effetti della finanziaria all'esame da oggi della Camera, pesino in maniera negativa sulla crescita. «La previsione da noi formulata - spiega infatti il CsC - rappresenta il nostro cosiddetto quadro tendenziale. Non tiene cioè conto dei provvedimenti compresi nella finanziaria 2007 in corso di definizione. L'effetto restrittivo della manovra, delineata dall'insieme di misure presentate dal governo a settembre, su consumi ed investimenti e, di conseguenza, sull'import dovrebbe comportare una riduzione della crescita del Pil nel 2007 di circa 3 decimi di punto percentuale».
Per quanto riguarda il 2008 invece, la previsione di Confindustria riferita al Pil è di «un graduale ritorno verso tassi di crescita più vicini al potenziale di tutta l'area dell'euro» e quindi la stima è «in leggera accelerazione rispetto al 2007, all'1,5%».

Quanto alle componenti della crescita - secondo il Centro di studi di Confindustria - nel 2006 «l'export risulterebbe la più dinamica (+4,5%) con un netto miglioramento della performance rispetto a quella molto deludente dello scorso anno». Inoltre - secondo Viale dell'Astronomia - «la crescita dell'export nel 2006 supererebbe, anche se lievemente, quella delle importazioni (4,4%) che pure mostrerebbero una notevole accelerazione rispetto al 2005. Nel 2006, ad ogni modo - continua il Csc - il saldo commerciale in euro in rapporto al Pil, che include solo gli scambi di beni, risulterebbe pari a -0,8% e ciò sarebbe in gran parte spiegato dal forte aumento dei prezzi all'import».
Un altro contributo alla crescita - secondo l'associazione degli industriali - «verrebbe dalla domanda interna: consumi e investimenti da soli porterebbero la crescita vicina al 2%».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori