Sabato 16 Gennaio 2021 | 04:21

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

A Natale l'albero sintetico è preferito al vero

albero di nataleROMA - Un Natale all'insegna dell'attenzione verso l'ambiente, a dimostrazione della maggior sensibilità degli italiani per i temi legati all'ecologia. Per il Natale 2006, infatti, il 75% della quasi totalità degli italiani che hanno scelto di fare il tradizionale albero, sì orientato su quello sintetico, in modo da riutilizzarlo per sei-dieci anni, il 12% invece predilige l'albero vero, riservandosi, nelle maggioranza dei casi, di trapiantarlo. È uno dei dati emersi dalla ricerca sulle abitudini ecologiste degli italiani a Natale, commissionata ad Ipsos dal ministero dell'Ambiente e presentata oggi a Milano alla presenza del ministro Alfonso Pecoraro Scanio. Dall'indagine escono quattro macro categorie di italiani: gli «ecologisti doc», un 18% della popolazione che si comporta in modo assolutamente irreprensibile in materia di attenzione verso l'ambiente; la metà degli italiani invece rientra nella categoria degli 'attentì, quelli cioè che si comportano in maniera accorta verso il consumo ecologico, ma in modo meno estremo rispetto al primo gruppo. Un 15% viene definito dagli studiosi 'indifferentè in quanto la loro condotta è poco ecologica, ma c'è anche un 17% definiti addirittura 'inquinatorì. Dei cittadini più virtuosi, ovvero gli ecologisti doc, la ricerca ha tracciato un identikit: per lo più sono donne, persone di mezza età e cattolici di mezza età. Gli attenti sono per lo più anziani e pensionati che vivono in piccoli comuni. Gli inquinatori si concentrano tra i giovani e giovanissimi, principalmente maschi e risiedono nei grandi centri, sono cattolici non praticanti o non credenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400