Martedì 22 Gennaio 2019 | 18:16

i più visti della sezione

Alberti: baresità è un'arma in più

BARI – "La differenza l’ha fatta la passione che ci ha permesso di superare momenti difficili, l’arma in più è stata la baresità, il senso di appartenenza trasmesso da questa incredibile piazza sportiva": Roberto Alberti, tecnico del Bari eliminato in semifinale play off, ha stilato – insieme ai...
BARI – "La differenza l’ha fatta la passione che ci ha permesso di superare momenti difficili, l’arma in più è stata la baresità, il senso di appartenenza trasmesso da questa incredibile piazza sportiva": Roberto Alberti, tecnico del Bari eliminato in semifinale play off, ha stilato – insieme ai collaboratori – il bilancio del torneo con una conferenza al San Nicola. Dopo i ringraziamenti di rito, Alberti ha definito i tifosi "i veri protagonisti della seconda fase del campionato" e ha rimarcato l’orgoglio per un gruppo di giocatori "dai grandi valori tecnici e umani: Bari adesso rappresenta una immagine pulita del calcio, un segnale importante per tutto l’ambiente calcistico italiano. Lasciano un segno importante nella storia calcistica di Bari".

Sulle polemiche per i deficitari arbitraggi nelle gare delle semifinali con il Latina Alberti ha glissato: "Non troviamo mai alibi". Anche il tattico dello staff tecnico, Nunzio Zavettieri, ha rimarcato l’identità della squadra affermando di sentirsi "barese dentro", e ha mostrato una maglia con il simbolo del polpo e la scritta "ì so d’Bar". Sul piano sportivo ha puntualizzato che la squadra è cresciuta strada facendo e "ha cambiato il modo di pensare nel gestire trovare le soluzioni sugli avversari". La partita più bella per Zavettieri (che andrà via a fine giugno) è stata la vittoria in casa con l’Empoli, mentre resta il rammarico per aver disputato i play off senza "tutte le frecce dell’arco", a causa degli infortuni di Romizi e Nadarevic. Infine un appello: "Dopo questa stagione bisogna ripartire dal sentimento della gente di Bari, a prescindere da chi sarà l’allenatore". A

nche Giovanni Loseto, bandiera del Bari e collaboratore per la preparazione degli schemi difensivi, ha raccontato le sue emozioni: "Anche un guerriero come me ha un cuore. Non piangevo dalla morte di mia madre molti anni fa: le lacrime sono state irrefrenabili quando siamo rientrati da Latina, accolti dai tifosi all’aeroporto. C'era tanta rabbia. Ci hanno tolto qualcosa in due partite con i pontini (riferito agli arbitraggi ndr). Lo staff ha fatto capire la baresità ai ragazzi. In campo Sciaudone e compagni sputavano sangue per la maglia come il Bari dei baresi, con Loseto, De Trizio e Cuccovillo". Alberti si è poi soffermato sulla gestione collegiale tecnica: "Con Zavettieri e gli altri componenti ci siamo divisi i compiti. I risultati dicono che la formula ha funzionato". Tutti gli intervenuti hanno poi ringraziato il ds Guido Angelozzi, vero king maker della stagione del Bari, a cui hanno riconosciuto il merito di aver supervisionato il lavoro, non facendo mai mancare nulla alla squadra nonostante le dimissioni dell’allenatore Gautieri in estate e il recente fallimento del club.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
Picci, la bambina afghana in pericolo di vitae il grande cuore dei militari italiani

Picci, la bambina afghana in pericolo di vita
e il grande cuore dei militari italiani

 
Bari, la festa della Polizia locale nella Basilica di San Nicola

Bari, la festa della Polizia locale nella Basilica di San Nicola

 
Taranto, organizzavano rapine in posta e gioiellerie: arrestata banda

Taranto, rapinavano uffici postali e gioiellerie: fermati in due

 
Dopo 19 giornate si ferma la corazzata BariAbayan, Crucitti e Cataldi i protagonisti

Dopo 19 giornate si ferma la corazzata Bari
Abayan, Crucitti e Cataldi i protagonisti

 
La storia delle teste di cuoio italianeraccontata dal comandante Alfa dei Gis

La storia delle teste di cuoio italiane
raccontata dal comandante Alfa dei Gis

 
In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosiArtificieri e palombari al servizio del Paese

In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosi
Artificieri e palombari al servizio del Paese

 
Matera 2019, in 3000 sotto la pioggia per la serata inaugurale

Matera 2019, in 3000 sotto la pioggia per la serata inaugurale

 
Investimento in via Crisanzio

Investimento in via Crisanzio

 
L'arrivo di Conte e i 2019 musicisti: la prima mattina di Matera da Capitale della Cultura

L'arrivo di Conte e i 2019 musicisti: la prima mattina di Matera da Capitale

 
Matera, 2019 lumini si accendono tra i sassi: il video

Matera, 2019 lumini si accendono tra i sassi: il video

1commento