Venerdì 14 Dicembre 2018 | 17:43

GDM.TV

Romano Prodi commenta l'iniziativa del centrodestra evitando di polemizzare: rispetto per una manifestazione legittima

ROMA - Rispetto per una manifestazione legittima; ma le decisioni del governo, a cominciare dalla Finanziaria, sono state assunte nell'interesse di tutti i cittadini, compresi quelli che oggi manifestano. Romano Prodi sceglie le parole per commentare la grande manifestazione del centrodestra a Roma, evita di polemizzare, come invece fanno altri esponenti dell'Unione. Il presidente del Consiglio ribadisce piuttosto la convinzione che tra qualche mese gli italiani apprezzeranno sia la manovra che le altre misure del governo.
In mattinata Prodi, interpellato a Roma dai giornalisti se fosse preoccupato per le manifestazioni, risponde scuotendo il capo. «Credo che le manifestazioni siano parte integrante della democrazia - dice più tardi a Bologna - quindi non ci trovo nulla di strano». Concetto questo sottolineato da altri esponenti dell'Unione, da Piero Fassino al ministro Fabio Mussi, da Franco Monaco (Dl) a Giovanni Russo Spena (Prc). «Rispetto» per i manifestanti lo esprimono i presidenti di Senato e Camera, Franco Marini e Fausto Bertinotti: «Non c'è nulla di allarmante, è la democrazia», dice Marini; «tutte le manifestazioni sono un atto di democrazia», commenta invece Bertinotti.
Insomma, nessuna polemica verso quei cittadini che oggi sono scesi in piazza, a Roma come a Palermo; ma l'ambizione di Prodi va oltre, ed è di convincerli sulla bontà delle scelte del suo esecutivo. «Le decisioni prese dal governo - sottolinea nel pomeriggio ancora a Bologna, prima di concedersi un rapido shopping natalizio per la città - sono nell'interesse di tutti gli italiani, anche di quelli che oggi manifestano. Fra qualche mese ne vedremo le conseguenze positive. Queste decisioni sono state prese in piena coscienza e per l'interesse di tutti gli italiani, ed è l'interesse di tutti che a me preme. Se ci sono persone scontente, manifestano; poi si vedranno i risultati». Insomma, come ha ripetuto Prodi a chi gli ha parlato oggi, risentiamo gli italiani tra qualche mese, quando arriveranno gli effetti della manovra e delle riforme.
Certo, non tutti gli esponenti del centrosinistra mostrano lo stesso aplomb. Secondo il ministro Antonio di Pietro, il corteo di Roma «è una manifestazione di cartapesta, pallida imitazione del carnevale di Viareggio», mentre per il capogruppo di Idv alla Camera Massimo Donadi, si tratta «solo di uno spettacolo, nel senso becero del termine».
Al termine del corteo di Roma, poi, sono piovute pesanti critiche per i fischi al tricolore e i saluti romani: episodi stigmatizzati da Riccardo Villari (Dl), Marco Filippeschi ed Emanuele Fiano, segretario della Sinistra per Israele. Durissimo Maurizio Migliavacca, coordinatore della segreteria della Quercia: «Lo avevamo previsto. Quando si fa una manifestazione solo per fare del facile populismo senza una piattaforma e una proposta alternativa, si aprono le porte alle manifestazioni più deteriori e retrive».
Diversi interventi sottolineano poi la spaccatura del centrodestra. «Le due manifestazioni sanciscono la fine della Cdl così come l'abbiamo conosciuta», dice Nicola Latorre, vicepresidente dei senatori dell'Ulivo. Per Nello Formisano (Idv) la manifestazione di Roma «serve a coprire le ferite interne» al centrodestra, e la finanziaria «è solo un pretesto». «Nulla di nuovo a San Giovanni, tranne l'assenza dell'Udc», dice Mauro Fabris dell'Udeur. Tema sottolineato anche dal ministro del Lavoro Cesare Damiano: «Il centrodestra ha problemi di compattezza» e il corteo di Piazza San Giovanni «è più per sostenere la leadership di Berlusconi che contro la finanziaria».
C'è poi nelle parole di molti esponenti del centrosinistra il principale rimprovero fatto in questi mesi al centrodestra: lo stato dei conti pubblici lasciato dal governo Berlusconi. Il ministro Pierluigi Bersani invita sarcasticamente i leader del centrodestra a «dare qualche nozione di tutto questo» ai manifestanti di oggi. Altrettanto sarcastico il commento del ministro degli Affari sociali, Paolo Ferrero (Prc): «Penso che oggi a sfilare ci siano pochi operai di Mirafiori e tanti notai, che si sono sentiti colpiti nelle tasche». Anche Massimo D'Alema non rinuncia alle sue affermazioni graffianti: «Se potessi dare un consiglio a Berlusconi gli direi: è partito come per fare i cento metri, ma questa è una maratona. Quindi, risparmi il fiato perchè noi intendiamo governare cinque anni, dimostrare che una finanziaria che ha anche suscitato nel Paese perplessità non impoverirà nessuno. Cosa di cui gli italiani si renderanno conto a gennaio quando il polverone della propaganda sarà sceso e la gente vedrà la busta paga». Ma Umberto Ranieri, diessino liberal, mette in guardia: «'Sbaglierebbe il centrosinistra a sottovalutare la manifestazione di Roma, che dovrà costituire uno stimolo per il governo a procedere con più determinazione nella realizzazione delle riforme di cui ha bisogno il paese».
Giovanni Innamorati

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori