Lunedì 17 Dicembre 2018 | 18:30

GDM.TV

i più visti della sezione

Sangalli: la finanziaria non riesce a leggere la realtà di un ceto medio

ROMA - «In un panorama europeo in cambiamento e forse in ripresa, l'Italia appare ancora sotto sforzo soprattutto «perchè, ormai da troppi anni, si trova a fare i conti con una crescita economica lenta». Ad affermarlo è il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli in occasione della presentazione del rapporto Censis-Confcommercio «I consumi in Italia e in Europea nel 2006». E proprio perchè l'Italia si trova in questa situazione, evidenzia Sangalli, «ciò non solo rende arduo realizzare più equità sociale e più sviluppo, ma aggrava le difficoltà della finanza pubblica e rende oggettivamente impervio il percorso di miglioramento dei conti dello Stato».
La riflessività sui consumi in Italia - dove appena il 30% delle famiglie contattate prevede di intensificarli nell'ultima parte dell'anno, a fronte, ad esempio, del 54,9% della Spagna - «ci sembra dunque, - sottolinea il presidente di Confcommercio- la traduzione puntuale della realtà macroeconomica del paese». Un paese che, «nonostante una manovra finanziaria da 35 mld di euro e nonostante il rientro dall'extradeficit, si attende, per il prossimo anno, una crescita del pil intorno all'1,4%. In rallentamento, dunque, rispetto all'1,7% con cui dovrebbe chiudersi, per effetto della ripresina, l'anno in corso».
Un paese riflessivo e sotto sforzo, dunque, evidenzia Sangali, «a cui ancora non sembra che la rotta sia cambiata». E il problema non è quello «di non essere riusciti a rendere esplicito il collegamento tra risanamento e riforme. A nostro avviso, putroppo, la questione è più radicale». Nella finanziaria, sottolinea, «il collegamento non c'è, non c'è proprio».

Secondo Sangalli, infatti, «le riforme destinate ad incidere sulla dinamica strutturale della spesa pubblica in finanziaria non vengono affrontate. E rinviare la soluzione di questioni oggettivamente urgenti certo non contribuisce a dare certezze e fiducia ai consumatori, alle famiglie, alle imprese».
Questa finanziaria, aggiunge il presidente di Confcommercio, «non indica un progetto. E senza un chiaro, riconoscibile e condiviso progetto per il futuro, il paese non riparte. Del resto, il cammino della finanziaria non è ancora concluso, ma già si affollano proposte di 'patti per la crescità. Se non si tratta di semplici segnali di fumo - sottolinea Sangalli -, noi siamo pronti a fare, come sempre, la nostra parte. Ma gli obiettivi devono essere chiari, pochi, coerenti. Le infrastrutture, e del resto i nodi di Alitalia e delle Ferrovie dello Stato sono ormai venuti al pettine, e l'innovazione del sistema dei servizi e dei trasporti, del commercio e del turismo: il vero volano sul quale investire per rafforzare produttività e crescita».

Questa manovra, evidenzia ancora Sangalli, «non riesce a leggere la realtà di un ceto medio diffuso fatto di lavoro dipendente, di lavoro autonomo e di attività d'impresa. Un ceto medio che tutto insieme fa fatica ed è sotto sforzo». In quell'immagine del paese spaccato tra 'ricchì e 'poverì, aggiunge, «in questa incapacità di comprendere l'Italia dei ceti medi, è certificata la battaglia persa dalle componenti moderate e riformiste della maggioranza del Governo. E' certificato il peso della cambiale politica che si è dovuta onorare con il sindacato e con la sinistra massimalista. Salvo poi ritrovarsi in piazza tanto il Sindacato, quanto compenenti dello stesso governo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti