Lunedì 25 Gennaio 2021 | 03:12

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Foggiala tragedia
San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: due le persone morte

San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: il bilancio è di due morti

 
Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
MateraIl mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 

i più letti

Precari: un esercito di oltre un milione

ROMA - Sono oltre un milione i lavoratori precari in Italia. E' quanto emerge da una analisi dell'Isfol, che disegna, con interviste ad un campione di oltre 40mila persone le reali aspettative e difficoltà dei giovani, delle donne e degli ultra cinquantenni.
In particolare, secondo l'Isfol, precari in senso stretto sono quegli oltre 427.821 lavoratori, pari all'1,9% dell'occupazione totale, che, pur essendo «autonomi», nei fatti sono sottoposti a 'subordinazione fortè. A costoro vanno aggiunti una metà di quei lavoratori, sempre autonomi, che hanno una subordinazione 'intermedià: un altro mezzo milione.
In totale, circa un milione di persone che vivono una realtà di lavoro «a intermittenza», pari a un 4-5% sul complesso dell'occupazione nazionale.
Dalla ricerca emerge innanzitutto l'«involontarietà» della scelta della forma contrattuale. Se ne lamenta circa la metà di chi ha collaborazioni coordinate e continuate od occasionali e addirittura il 70% di chi lavora a progetto. A caratterizzare il lavoro precario è poi la monocommittenza che riguarda l'83% delle collaborazioni coordinate e continuative, il 69% delle collaborazioni occasionali, l'80% dei lavoratori a progetto e oltre il 50% delle attività in proprio, con un incidenza sistematicamente superiore per le donne.

La ricerca si sofferma anche sul grado di subordinazione dei precari: la presenza sul posto di lavoro è richiesta dal 65% delle collaborazioni coordinate e continuate, dal 40% delle collaborazioni occasionali e dal 55% di quelle a progetto, mentre solo poco più del 20% delle attività in proprio deve attenersi ad orari stabiliti. Anche in questo caso le donne risultano maggiormente coinvolte dai vincoli tipici del lavoro subordinato.
Pochi i rinnovi di contratto dopo la scadenza: la quota è del 60% nel caso delle collaborazioni coordinate e continuative e del lavoro a progetto, mentre appena un terzo di chi ha collaborazioni occasionali o lavora in proprio ha già avuto un rapporto di collaborazione con l'attuale datore di lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400