Lunedì 10 Dicembre 2018 | 14:53

GDM.TV

i più visti della sezione

«I santi sono fra noi ogni giorno»

MILANO - I santi «fanno parte della nostra umanità» e la «santità o perfezione dell'amore, è per tutti, nessuno escluso»: è partito da due concetti forti l'arcivescovo di Milano, cardinal Dionigi Tettamanzi, per la riflessione che ha svolto stamani nell'omelia della solennità di Tutti i Santi, in Duomo.
Muovendo dal ricordo della cerimonia svoltasi all'Arena di Verona il 16 ottobre scorso in occasione del IV Convegno della Chiesa italiana con l'accensione dei quadri luminosi dei santi patroni delle 226 chiese locali d'Italia, Tettamanzi ha sottolineato che ciò che «ci colpisce è che questi santi fanno parte della nostra umanità: alcuni li abbiamo conosciuti anche noi, con loro abbiamo lavorato e vissuto, con loro abbiamo sofferto e gioito, forse fino a qualche giorno fa. Di più, questi santi sono realmente presenti con noi in questa celebrazione eucaristica».
Quindi l'arcivescovo ha ricordato che i santi «ci dicono che la santità o perfezione dell' amore è per tutti, nessuno escluso» e ci dicono che «la santità è un dono del signore, è frutto del suo amore assolutamente gratuito. E questo a partire dalla nostra vera e nuova nascita: quella che avviene dal grembo materno della Chiesa con il santo Battesimo».
Tettamanzi, in un successivo passaggio dell'omelia ha voluto sottolineare come «ogni giorno vengano ritrascritte le beatitudini evangeliche». «Si è santi - ha spiegato - se si vive da figli di Dio e si vive da figli di Dio se la mente, il cuore e la vita seguono la logica nuova, la legge nuova che Gesù ha dato ai suoi discepoli».
«Possiamo dire - ha proseguito - che le beatitudini evangeliche scritte da Matteo e da Luca vengono ritrascritte ogni giorno da tante persone che credono in Gesù, lo amano, accolgono la sua legge nuova e si impegnano a tradurla nei pensieri, nei sentimenti, nelle scelte e nei gesti della loro giornata».
E il cardinale ha concluso «Il Signore non poche volte, nella sua bontà, ci fa incontrare persone, spesso semplici e umili ma insieme di grande fede, che con la loro vita concreta sono una specie di autoritratto vivente delle beatitudini evangeliche».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti