Sabato 15 Dicembre 2018 | 03:04

GDM.TV

I legali famiglie vittime: no alla liberazione, una redenzione è impossibile

FOLIGNO (PERUGIA) - Escludono che sussistano le condizioni minime per la liberazione di Luigi Chiatti, «memori del fatto che venne unanimemente riconosciuto omicida seriale da giudici, psichiatri e criminologi di chiara fama» gli avvocati Ariodante e Giovanni Picuti, legali delle famiglie Allegretti e Paolucci. A loro avviso «la sua redenzione è pressochè impossibile».
Commentando la concessione dell'indulto al geometra folignate, i legali ritengono che «tale pronuncia non sia in questo momento di grande aiuto al Chiatti, nemmeno per ottenere l'applicazione di quelle misure alternative alla detenzione previste dall'ordinamento penitenziario e da lui auspicate». «Tuttavia le famiglie delle vittime - proseguono i loro legali - non si fanno illusioni, nella consapevolezza che prima o poi, sia la riduzione applicata, che quella prevista dalla legge Gozzini, favoriranno il suo reinserimento, dapprima parziale e poi definitivo, nella nostra società. Ma prima di arrivare a tanto egli dovrà dare prova della propria volontà e capacità di reintegrazione, elementi desumibili dal contegno che egli ha tenuto nel corso del trattamento carcerario».
Secondo gli avvocati Ariodante e Giovanni Picuti «la elevatissima pericolosità sociale» di Chiatti «permane come dato tangibile e desumibile dalla mancanza di ogni segno di pentimento in relazione agli efferati delitti che ha commesso e che mai ha rinnegato». «A tempo debito, ci auguriamo più tardi possibile, spetterà al giudice per la sorveglianza competente - sostengono ancora - apprezzare la permanenza o meno di tale pericolosità. Gli organi giurisdizionali non devono abbassare la guardia o dimostrarsi indulgenti nei confronti di Chiatti, vigilando sulla effettività e sulla certezza della pena inflitta. Consideriamo assolutamente inapplicabili, così come fino ad oggi è stato deciso dalla stessa Cassazione, quelle sanzioni alternative o premiali indubbiamente inefficaci ed inadeguate ad assicurare un sufficiente livello di neutralizzazione dell'assassino di Simone e Lorenzo, neutralizzazione che allo stato - concludono gli avvocati Ariodante e Giovanni Picuti - soltanto la custodia in carcere può assicurare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori