Lunedì 17 Dicembre 2018 | 17:59

GDM.TV

i più visti della sezione

Alonso deluso: tradito dalle gomme

SHANGHAI - «A me il miracolo non è riuscito». Fernando Alonso replica praticamente in diretta a Michael Schumacher: il pilota tedesco della Ferrari esulta dopo aver completato la rimonta iridata. Lo spagnolo, invece, mastica amaro dopo il secondo posto ottenuto nel Gp di Cina: il pilota della Renault ha dominato la prima fase di gara, è precipitato al terzo posto dopo il primo pit-stop e ha provato invano ad acciuffare il ferrarista negli ultimi 10 giri. «Ci ho provato, ma il miracolo non è arrivato», dice l'asturiano.

Il Mondiale è più aperto che mai, con i due contendenti appaiati a 116 punti. Alonso, però, si aspettava ben altro dal weekend cinese: dopo la pole di ieri, il campione del mondo puntava deciso a chiudere in bellezza la parentesi di Shanghai. «E invece -dice- abbiamo perso una buona opportunità. Nei primi 20 giri ho costruito un buon vantaggio, poi le gomme mi hanno abbandonato e le condizioni sono cambiate: l'asfalto si è asciugato e io sono diventato lentissimo». Il pomeriggio di Alonso è cambiato radicalmente dopo il primo pit-stop. «Abbiamo deciso di sostituire le ruote anteriori ed è stato un errore. Fisichella e Schumacher non hanno sostituito le gomme e sono andati nettamente meglio nella parte centrale del Gp».

A quel punto lo spagnolo non ha avuto più alternative. «Ho dovuto montare gomme da asciutto nella seconda sosta per provare a recuperare terreno. Purtroppo non c'erano abbastanza giri a disposizione. La giornata è negativa, ma la lotta per il Mondiale è apertissima. La macchina funziona, andiamo in Giappone consapevoli delle nostre possibilità: io ci credo più che mai».
Oggi non hanno funzionato le gomme e non hanno fatto il loro dovere nemmeno i meccanici. Il secondo pit-stop è durato quasi 20" che, alla fine, si sono rivelati fatali. «Ci dispiace molto per Fernando», dice il team manager Flavio Briatore. «E' stato semplicemente fantastico, ha dominato sull'asciutto e sul bagnato. Dopo una performance come quella di oggi, non c'è niente di più frustrante che vedere la vittoria scivolare via». La Renault ha piazzato due piloti sul podio e ha riconquistato la leadership nel Mondiale costruttori. Troppo poco, però, per archiviare Shanghai con un sorriso. «La sensazione dominante è la frustrazione - ribadisce Briatore -. Avevamo la macchina più veloce, ora ci ritroviamo in un equilibrio quasi perfetto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti