Venerdì 14 Dicembre 2018 | 07:21

GDM.TV

L' allarme dei servizi: rischio attentati suicidi ad ambasciate

ROMA - Che la situazione in Afghanistan si stesse deteriorando, dal punto di vista della sicurezza, era chiaramente indicato in un rapporto dell'intelligence italiana risalente a poche settimane fa. Un allarme confermato oggi dall'esplosione all'ambasciata americana di Kabul e dal ferimento di 4 militari italiani nei pressi di Farah, nella zona ovest del Paese. I servizi mettevano in guardia proprio da attacchi suicidi alle ambasciate e da attentati con Ied (ordigni esplosivi improvvisati).
Il rapporto parlava di «possibile intensificazione dell'attività terroristica nei confronti di personale ed interessi della Coalizione internazionale e di Isaf, con conseguente maggiore esposizione anche del contingente italiano». E, indicavano sempre gli 007 italiani, sono state adottate tecniche di lotta tradizionalmente estranee alla cultura afgana quale l' azione suicida e l'impiego di ordigni improvvisati attivati a distanza, a conferma della «progressiva irachizzazione del teatro afgano».

A Kabul, rilevavano i servizi, continuano ad arrivare rapporti di minaccia contro obiettivi Isaf, con particolare riferimento ad attacchi suicidi. La minaccia di attentati suicidi contro ambasciate straniere, rappresentanze estere, check point ed istituzioni governative è valutato significativo.
Nella zona di Herat, dove è anche presente un contingente italiano, l'intelligence spiegava che la sicurezza dipende dall'equilibrio tra i cinque principali gruppi che fanno riferimento ad altrettanti leader, il più noto dei quali è Ismail Khan. Per il personale italiano, secondo l'analisi, il rischio potrebbe concretizzarsi nei coinvolgimento involontario in scontri a fuoco tra opposte fazioni o in attacchi condotti da gruppi anticoalizione, sia con attentati suicidi che con la collocazione di ordigni teleguidati o autobombe lungo percorsi utilizzati più frequentemente dalla pattuglie. E proprio un ordigno posto lungo la strada ha ferito oggi i quattro incursori italiani del Comsubin in pattuglia a Farah.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO