Martedì 11 Dicembre 2018 | 03:17

GDM.TV

i più visti della sezione

Kofi Annan ottimista: via blocco aeronavale Israele in 48 ore

IL CAIRO - Il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan ha detto oggi di sperare di avere notizie «positive» nelle prossime 48 ore su una revoca del blocco aereo e marittimo imposto da Israele al Libano.
«Non voglio alimentare false speranze, ma spero che nelle prossime 48 ore avremo delle notizie, notizie costruttive, positive», ha detto ai giornalisti dopo un incontro con il presidente egiziano Hosni Mubarak ad Alessandria d'Egitto. Israele, per prevenire il riarmo di Hezbollah, ha imposto il blocco al Libano alla fine dei 34 giorni di guerra, il 14 agosto. Il ministero degli Esteri egiziano ha convocato oggi l'ambasciatore israeliano in Egitto, il solo Paese arabo con la Giordania ad avere rapporti diplomatici con lo Stato ebraico, per chiedere la revoca del blocco.
«Stiamo tutti lavorando alacremente - ha aggiunto Annan - e con un po' di buona volontà e ragionevolezza dovremmo risolvere (la questione del blocco) entro le prossime 48 ore».
Oggi il governo libanese ha indirizzato una lettera al segretario generale nella quale accusa formalmente Israele di violare la risoluzione 1701 delle Nazioni Unite che il 14 agosto ha imposto la tregua, in particolare per quanto riguarda il blocco aeronavale. Annan ha detto di considerare la tregua in Libano «molto fragile... ma credo che stiamo prendendo le misure affinchè il cessate il fuoco si consolidi».
Il segretario generale del'Onu ha poi confermato di aver nominato un mediatore per facilitare una soluzione sul rilascio di prigionieri tra Israele e Hezbollah. «Spero che il mio mediatore sia capace di lavorare con efficacia e rapidamente con le due parti per trovare una soluzione accettabile», ha detto.
Annan ha annunciato ieri il suo intervento sulla vicenda dei due soldati israeliani catturati da Hezbollah al confine tra Libano e Israele il 12 luglio e in cambio del cui rilascio il movimento islamico chiede la liberazione di detenuti libanesi nelle carceri israeliane.
Sull'altro soldato israeliano, il caporale Gilad Shalit, dal 25 giugno in mano a militanti palestinesi, il quotidiano pan arabo al Hayat scrive oggi che è già in territorio egiziano, in attesa dello scambio con prigionieri palestinesi. Una fonte della sicurezza egiziana al Cairo ha smentito la notizia, confermando che l'Egitto continua la sua opera di mediazione. In caso di accordo Shalit verrebbe consegnato agli egiziani e da questi agli israeliani ad un punto di frontiera con Gaza, afferma la fonte. I palestinesi chiedono la liberazione di 800 detenuti in due momenti, Israele ha accettato di rilasciarne in tre fasi circa 600 o 750, gli ultimi dopo un incontro tra il presidente Mahmoud Abbas (Abu Mazen) e il primo ministro Ehud Olmert. Incontro che i palestinesi vogliono solo dopo la formazione di un governo di coalizione nazionale. «Ci vorranno ancora una settimana o dieci giorni per raggiungere un accordo», dice la fonte.
Annan ha anche implicitamente criticato il governo sudanese per aver chiesto l'espulsione della forza di pace dell'Unione africana nel Darfur se dovesse essere posta sotto guida Onu. Se il regime, che rifiuta la presenza di caschi blu decisa dall'Onu, dovesse fallire nel dare aiuto ai tre milioni di sfollati della guerra e delle violenze nella regione occidentale dovrebbe risponderne alla comunità internazionale, ha detto il segretario generale.
Annan ha incontrato oggi anche il segretario generale della Lega araba Amr Moussa. Domani si svolgerà al Cairo una riunione dei ministri degli Esteri dei 22 Paesi membri.
Barbara Alighiero

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca