Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 21:27

GDM.TV

I riservisti israeliani chiedono di tornare a casa

GERUSALEMME - A nove giorni dall'entrata in vigore della tregua in Libano, il comando militare israeliano non ha ancora emesso l'ordine di smobilitazione generale che consentirebbe a migliaia di riservisti di tornare finalmente a casa.
«Se si combattesse lo capiremmo, ma restare qui senza far niente non ha senso», denunciano i giovani riservisti che nel nord di Israele trascorrono le loro giornate in una lunga, interminabile, attesa. «Non soltanto abbiamo lasciato le nostre famiglie - si lamentano - ma la gran parte di noi ha un lavoro al quale vuole ritornare al più presto».
I riservisti che al momento della chiamata lavoravano come dipendenti hanno continuato a percepire il loro stipendio, che verrà poi rimborsato ai datori di lavoro dallo Stato. Per i liberi professionisti è previsto invece un compenso calcolato sul reddito medio dichiarato negli anni precedenti, che naturalmente non tiene conto di eventuali nuove opportunità di guadagno perse a causa del ritorno in servizio.
«Il problema non è solo economico - si lamentano i riservisti - ma è piuttosto la sensazione di sentirsi completamente dimenticati dai nostri generali».
La questione è stata sottoposta anche al vice capo di stato maggiore, Moshe Kaplinsky, che nelle ultime settimane della guerra era subentrato nel comando delle operazioni militari. Nel riconoscere come «un errore» quello di aver mandato anche i riservisti sul campo di battaglia, Kaplinsky ha promesso che «l'esercito farà tutto il possibile per ordinare la smobilitazione entro il fine settimana». Su un totale di 114 soldati morti in combattimento, 46 erano riservisti. I riservisti rimasti feriti sono 233.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
Gestivano prostitute dal carcere in Francia: vicino alla banda anche sacerdote

Gestivano prostitute da carcere in Francia: vicino a banda anche un prete

 
Neglia e Floriano firmano la rimontaecco le immagini dei gol del Bari

Neglia e Floriano firmano la rimonta
ecco le immagini dei gol del Bari

 
Violenze e minacce a bimbi autistici: arrestate 4 educatrici a Noicattaro

Violenze e minacce a bimbi autistici: arrestate 4 educatrici a Noicattaro VD

 
Ius Soli a Ruvo, bimbi stranieri nati in Italia ricevono la cittadinanza civica

Ius Soli a Ruvo, bimbi stranieri nati in Italia ricevono la cittadinanza civica

 
San Cataldese - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

San Cataldese - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, rivedi la diretta

 
Novità per Daniele Lanave, Raissa incontra Mad Dopa, la Gae Campana Band canta il Gargano di Andrea Pazienza

Novità per Daniele Lanave, Raissa incontra Mad Dopa, la Gae Campana Band canta il Gargano di Pazienza

 
Il presidente si racconta in tv su Rai2"Il Bari? Per me è una nuova fede calcistica"

Il presidente si racconta in tv su Rai2
"Il Bari? Per me è una nuova fede calcistica"

 
Chiedevano a commercianti soldi per «amici detenuti»: nei guai 4 vicini al clan Strisciuglio

Chiedevano a commercianti soldi per «amici detenuti»: nei guai 4 vicini al clan Strisciuglio