Giovedì 13 Dicembre 2018 | 02:12

GDM.TV

Parisi: pronti a fine agosto

ROMA, 18 AGO - «Siamo assolutamente in tempo» per trovare una risposta alle questioni ancora aperte, ed è dunque possibile essere pronti per lo schieramento di una «forza d'ingresso» italiana in Libano già entro la fine d'agosto, come auspicato dall'Onu. Lo ha detto il ministro della Difesa, Arturo Parisi, parlando con i giornalisti al termine della sua audizione a Montecitorio.

Per quanto ci riguarda, «siamo assolutamente in tempo: sono stati predisposti scenari alternativi che entreranno in funzione a seconda delle decisioni che saranno prese. I costi? Sono direttamente legati all'entità del contingente e alla lunghezza della missione».
«Il nostro contingente potrebbe essere il più numeroso?», chiedono i cronisti. «Noi ci sentiamo impegnati in prima fila - risponde Parisi -, ma non in prima posizione. Sentiamo il dovere di andare avanti: il confronto con il Parlamento avviato oggi discende proprio da questa scelta», fatta perchè «non si perda tempo» e «per trovarci pronti nel momento in cui tutte le condizioni arrivassero a maturazione».

Parlando poi dei quattro punti da cui dipenderà la definizione del contingente italiano (mandato della missione, regole d'ingaggio, catena di comando, paesi contributori), Parisi ha affermato che queste questioni «non hanno avuto ancora una risposta e siamo in fase di approfondimento: la loro istruttoria non è ancora conclusa».
Ma i tempi di intervento sono «misurabili in giorni: anche ieri - ha ricordato il ministro - è stata ribadita la necessità di schierare sul terreno una 'Forza d'ingressò entro agosto e il calendario parla da solo. Per poter essere sul terreno alla fine d'agosto bisogna partire in tempo per arrivare e, prima ancora, bisogna organizzare la partenza».
Ma basteranno questi pochi giorni di agosto a dare una risposta alle domande poste dall'Italia? «Siamo assolutamente in tempo», ha risposto Parisi. «Il nostro atteggiamento è di chi dà un contributo attivo, sollecitando l'approfondimento dei punti ancora aperti e avanzando delle proposte».
Anticipazioni sul prossimo contingente italiano? «Sono stati predisposti degli scenari alternativi - ha risposto Parisi - che entreranno in funzione a seconda delle decisioni che saranno prese».
Stesso discorso per i costi, anch'essi «direttamente collegati alla lunghezza della missione e all'entità del contingente, che a sua volta dipende dagli apporti che si renderanno disponibili nelle prossime ore».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive