Martedì 18 Dicembre 2018 | 16:51

GDM.TV

i più visti della sezione

Donna con le ali: il sottonenente di vascello Daniela Giordano, prima donna pilota della Marina Militare

Daniela GiordanoDALLA NAVE SAN MARCO IN NAVIGAZIONE VERSO BEIRUT - La notte tra il 15 e il 16 agosto due elicotteri effettuarono un "appontaggio" su nave "San Marco". Da quel momento, a bordo dell'anfibia della Marina Militare è arrivata una sorta di celebrità, tanto per il mondo militare, quanto per chi ha a cuore le pari opportunità tra i sessi. La tarantina Daniela Giordano, oggi trentenne e sottonenente di vascello, è stata la prima donna pilota delle Forze armate italiane. «Per questo il Presidente dello Stato mi ha nominata Cavaliere della Repubblica... sì insomma - si schernisce - non è che ha nominato Daniela Giordano, ha voluto premiare me perché ero un simbolo. Più che altro ha premiato la prima donna pilota».

C'avrà anche messo del suo, no?
«Sì, caparbietà, impegno. Ma ho anche avuto la fortuna di essere nel posto giusto, al momento giusto».
Ora dove è stata assegnata?
«A Catania e presto servizio lì».
Ha all'attivo altre missioni?
«Sì, ma non ero mai andata oltre i confini europei prima d'ora».
L'altra notte in quella complicata manovra notturna che ha visto posarsi l'elicottero SH3-D sul ponte della nave lei che ruolo aveva?
«Sono il secondo pilota. Ma la manovra non era complicatissima perché c'era un po' di luna».
Vuol dire che è semplice?
«Per niente! Non c'era molto vento e la luna permetteva un minimo di visibilità. Però la nave da lassù sembra una formichina. D'altro canto è proprio questo il "plus" dei piloti della Marina Militare: noi facciamo di queste cose, gli altri no».
Sembra quasi che le piacciono le sfide...
«Non poco - dice la spigliata pilota pugliese - E faccio anche paracadutismo e parapendio. Mi piace l'adrenalina».
Elicotteri, lanci, scusi ma queste "ali" sono un'eredità familiare?
«C'ho pensato un sacco di volte ma non ne sono venuta a capo. Non so quando mi sono spuntate le ali. Forse, a Taranto, a furia di guardare gli atterraggi e i decolli da nave "Garibaldi". Inoltre in famiglia non ho nessuno che abbia scelto la carriera militare... Anche se entrambi hanno la divisa».
In che senso?
«Mamma è nei Vigili urbani e papà è ferroviere».

Marisa Ingrosso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta: Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo