Sabato 15 Dicembre 2018 | 23:27

GDM.TV

Mafia - Corleone si è svegliata assediata da Carabinieri e Polizia

CORLEONE (Palermo) - Corleone si è svegliata sotto assedio con decine di auto della Polizia di Stato e dei Carabinieri, entrambi presenti con corpi specializzati dell'anticrimine e del Ris, e almeno duecento investigatori giunti nella cittadina per arrestare i due favoreggiatori di Bernardo Provenzano ed eseguire diverse perquisizioni che rientrano nell'ambito delle inchieste per svelare la ragnatela di protezioni e connivenze che ha consentito al boss di rimanere libero per oltre trent'anni.
Liborio Spatafora, 57 anni, è un imprenditore agricolo molto conosciuto nel Corleonese che gestisce, con la famiglia, un oleificio e una cantina in contrada ponte Aranci. Nonostante non abbia problemi economici, Spatafora venne arrestato l'anno scorso in Germania: nel cofano dell'auto aveva una valigetta con diverse migliaia di euro falsi e rimase in prigione per circa 3 mesi, prima di venire rilasciato dietro pagamento di cauzione. È in attesa dello svolgimento del processo.
Francesco Grizzaffi, 53 anni, è fratello di Giovanni e Mario, entrambi arrestati per mafia e già condannati per favoreggiamento, ed è nipote del boss Salvatore Riina, essendo figlio di una sorella del capomafia.
Grizzaffi ufficialmente fa l'agricoltore ed era stato arrestato a metà degli Anni Novanta per mafia. Attualmente era in regime di sorveglianza speciale.
I Grizzaffi hanno avuto, secondo numerosi collaboratori di giustizia, un ruolo nella «ripulitura» della villa di via Bernini in cui visse per molti anni Totò Riina assieme alla sua famiglia fino al giorno dell'arresto il 15 gennaio 1993.
Secondo gli inquirenti, la villa sarebbe stata ripulita immediatamente dopo la cattura del boss da una squadra di «professionisti» mafiosi o legati da vincoli di parentela con Riina, che portarono via tutto ciò che poteva essere utile alle indagini.
Quando i Carabinieri, dopo 16 giorni, decisero di perquisire la villa la trovarono vuota. L'abitazione-covo era già stata "visitata": i mobili coperti di cellophan, le pareti tinteggiate di fresco. L'unico pezzetto di carta sfuggito alla squadra di «professionisti» era una letterina della figlia del boss, Maria Concetta Riina ad una sua amichetta.
La mancata immediata perquisizone del covo ha portato al processo a due ufficiali dei Carabinieri impegnati nella cattura di Totò Riina che sono stati assolti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini