Martedì 11 Dicembre 2018 | 18:58

GDM.TV

i più visti della sezione

Il disastro dell'Atr 72 partito da Bari - Le iniziative dei parenti delle vittime

Atr 72 - Bloccati i due motori, inchieste puntano su carburante BARI - «È stato detto che in breve tempo si è arrivati a definire un risarcimento, ma non in così breve tempo si è arrivati a dare una risposta alla nostra richiesta di verità e giustizia». A dirlo, con amarezza, è la presidente dell'associazione disastro aereo Capo Gallo, 6 agosto 2005, Rosanna Albergo Baldacci, che oggi ha presentato le iniziative organizzate per domenica prossima a Bari in occasione del primo anniversario della tragedia dell'Atr 72 nella quale 16 persone persero la vita e 23 furono i sopravvissuti. Altre iniziative sono state organizzate in contemporanea a Palermo. Non tutti i parenti hanno accettato l'offerta risarcitoria e tra questi la nonna della più giovane vittima, Chiara Acquaro, per la quale sono stati offerti 200.000 euro (800.000 invece per gli adulti). Con Annamaria Suppa anche un altro parente ha annunciato che non accetta l'offerta risarcitoria proposta: Vito Albergo, zio di Barbara Baldacci. Entrambi, comunque devolveranno in beneficenza la cifra.
Ma la questione, ci tengono a sottolineare, non è venale. «Al di là del risarcimento, quello che ci interessa - dice Baldacci - è conoscere la verità su quanto è avvenuto». Per questo l'associazione ha chiesto il sostegno delle istituzioni affinché intervengano presso il governo tunisino per accelerare la risposta alla richiesta di rogatoria fatta dalla Procura di Palermo che indaga sul disastro. Appello raccolto dalla Regione Puglia, da Comune di Bari e Provincia, tanto che il presidente della Regione, Nichi Vendola, ha annunciato che i tre enti scriveranno una lettera al presidente del Consiglio, Romano Prodi, perché attivi i canali istituzionali col governo tunisino per giungere a questo risultato.
All'incontro - che si è tenuto presso la presidenza della Regione - erano presenti, oltre ad altri parenti delle vittime di Capo Gallo, un superstite del disastro aereo dell'aeroporto di Milano-Linate, Pasquale Padovano, originario di Bisceglie (Bari). Erano presenti anche lo stesso Vendola, il sindaco di Bari, Michele Emiliano, l'assessore provinciale Antonello Zazza (enti che sostengono l'associazione e le sue iniziative), e il prefetto di Bari, Carlo Schilardi.
Prima di illustrare le iniziative per domenica, Baldacci ha fatto un breve cenno alla vicenda del risarcimento sottolineando, tra l'altro, come la richiesta di concordato sia arrivata in un momento poco opportuno: «Sono giorni questi in cui stiamo rivivendo gli ultimi momenti di vita dei nostri cari, i preparativi per la partenza, la gioia per l'imminente vacanza... ».
Le celebrazioni per l'anniversario cominceranno a Bari alle 19, sulla rotonda del lungomare: da una motovedetta al largo i parenti delle vittime lanceranno simbolicamente una corona di fiori in mare. Ci sarà poi il suono delle sirene e verranno lanciati palloncini. Sarà poi il momento dei discorsi. Dopo il racconto di quanto avvenuto, parlerà la presidente dell'associazione.
Alla manifestazione è annunciata la partecipazione del direttore generale dell'Enac, Silvano Manera (il presidente, Vito Riggio, sarà a Palermo).
Nell'incontro di oggi il sindaco Emiliano ha sottolineato il ruolo e l'impegno del'associazione Capo Gallo, cui il Comune ha messo a disposizione la sede, «che chiede il rispetto degli obblighi internazionali alla Tunisia corrispondendo alla richiesta di rogatoria perché è interesse di tutti arrivare alla verità». Ha poi sottolineato l'importanza di creare in Puglia un sistema di protezione civile che è utile non solo per intervenire quando le tragedie si sono verificate, ma anche per prevenirle.
L'appello alla verità è stato raccolto anche da Zazza, secondo cui «l'Enav non avrebbe dovuto autorizzare la ripresa dei voli in Italia alla Tuninter, prima che si sia raggiunta la verità su questa vicenda». Schiraldi ha sottolineato che per la protezione civile «si sta lavorando perché la Puglia abbia un sistema integrato in grado di intervenire non solo in casi di disastro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie