Giovedì 21 Gennaio 2021 | 10:12

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
Barinel Barese
Corato, scovato piromane di dodici anni

Corato, scovato piromane di dodici anni

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
FoggiaL'operazione
Ricettazione e riciclaggio auto: 10 arresti a Foggia, giro da 100mila euro al mese

Ricettazione e riciclaggio auto: 10 arresti a Foggia, giro da 100mila euro al mese

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Le Ong italiane se ne stanno andando

ROMA - Le ong italiane stanno lasciando il Libano, «è un'evacuazione volontaria ma inevitabile». Lo ha detto Fabiola Podda, cooperante di Arcs, l'ong dell'Arci impegnata a Tripoli nella realizzazione di un progetto a favore dei bambini lavoratori, rientrata appena ieri in Italia. Podda ha sottolineato che la consapevolezza di allontanarsi dal paese è stata chiara fin da giovedì pomeriggio: «i bombardamenti sono pesanti e la situazione è precipitata in pochissimo tempo. Abbiamo chiamato l'ambasciata che si è subito attivata per sostenerci e organizzare il rimpatrio». Insieme a lei ieri sono rientrati in Italia altri operatori umanitari e, secondo le sue informazioni, solo due italiani (appartenenti alla ong «Ricerca e cooperazione») erano ancora a Beirut questa mattina ma al momento si trovano sulla nave messa a disposizione della Marina Militare italiana per il rientro dei connazionali. Nessun altro volontario o cooperante del nostro paese si troverebbe quindi, secondo Podda, nell'area interessata al conflitto libano-israeliano. «La situazione - continua l'operatrice dell'Arcs - è di assoluta emergenza. Da venerdì manca l'acqua e l'elettricità, i bombardamenti stanno isolando il paese. Subito abbiamo capito che non potevamo continuare alcun lavoro. I progetti sono stati sospesi, e i nostri interlocutori locali si stanno dando da fare per rispondere alle tante esigenze della popolazione e dei profughi». Fra queste - osserva Podda - c'è l'emergenza acqua: «mi hanno chiesto proprio questa mattina soldi per comprare acqua potabile. In queste ore, in stretto contatto con il personale locale che lavora con noi, stiamo organizzando gli aiuti. Vogliamo creare un coordinamento nazionale per gli aiuti umanitari».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400