Giovedì 13 Dicembre 2018 | 15:25

GDM.TV

Una legge per difendere l'ambiente costiero di Puglia

Estate, mare, spiaggiaBARI - Una legge molto attesa da parte di tanti imprenditori e che permette una più efficace tutela dell'ambiente costiero di Puglia. Sergio Prete, professore a contratto dell'Università di Bari e tra i promotori della legge regionale 17/2006 sintetizza così le motivazioni ultime che hanno portato alla stesura della norma che definisce «i criteri e le linee programmatiche per la disciplina e la gestione degli interventi finalizzati all'uso, alla valorizzazione e alla tutela del bene demaniale marittimo».
«La legge è frutto di una evoluzione normativa che dal 2001 ha trasferito dallo Stato alle Regioni la competenza sul demanio marittimo - sottolinea Prete - chiaramente in Puglia con oltre 800 chilometri di coste diventa una norma basilare per la gestione ambientale».
La legge si compone di 20 articoli e prevede alcune novità: «l'adozione del Piano regionale delle Coste (PRC), che rappresenterà lo strumento di pianificazione regionale - spiega Prete -; i Piani Comunali delle Coste (PCC), che si dovranno conformare al piano regionale e devono essere approvati e adottati da tutti i comuni costieri anche in forma consorziata; la riserva del 60% delle aree ad uso pubblico e libera balneazione, con possibilità in tale ambito di realizzare strutture classificate come spiaggia libera con servizi. Parte essenziale è tutta la disciplina della procedura per il rilascio, revoca, decadenza e sospensione delle concessioni demaniali marittime; essenziale è l'obbligatorietà dell'utilizzo del Sistema informativo del demanio (SID), che consente la puntuale identificazione e conoscenza del reale stato d'uso».
Vista la ricchezza di indicazioni è facile capire che una norma entrata in vigore il 28 giugno 2006 avrà necessariamente bisogno di tempo per entrare completamente a regime. «In effetti - sottolinea il professor Prete - ci vorranno almeno un paio di anni perchè tutti i tasselli prendano a girare nel modo giusto. Anche per questo motivo stiamo organizzando una serie di seminari sul territorio, il primo è previsto il 31 luglio prossimo a Taranto. Per la precisa adozione di una norma così ricca è indispensabile una specifica formazione del personale degli enti chiamati a gestire il demanio marittimo». (R. Sche.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori