Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:14

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

La favola di Grosso, il gol che porta in finale è per mio figlio che nascerà

DORTMUND - Il terzino e il gol che porta l'Italia in finale: è per mio figlio che nasce. La favola di Fabio Grosso era tutta in quella faccia incredula che scuote l'aria per l'urlo e il gol come Tardelli nell'82. Il terzino ha scoccato un tiro a giro sul secondo palo degno di un numero 10. Un gol così non potevo immaginare nemmeno io - dice Grosso - Però non chiedetemi come ho fatto, ho calciato d'istinto ne è uscito un gran gol, ma quando la rete si è gonfiata davvero non ho capito più nulla. Questo gol è una perla per mia moglie e per mio figlio che mi darà tra due mesi».
L'avventura Grosso era nata nel giugno di un anno fa, in una tournee americana che molti considerarono inutile. Valutazione da riconsiderare in toto, un po' come sull'Italia che nessuno dava per finalista ad inizio torneo. Così la favola del gruppo azzurro è anche di pari passo con quella di un suo goleador di una notte magica. «Questo è un gol da incorniciare, non lo dimenticherò mai. Abbiamo giocato tutti una gran partita. In uno stadio così, in casa della Germania, è un risultato storico, una grande impresa». Grosso usa fair play per gli avversari in lacrime. «Gli attacchi dei giorni scorsi? non servivano neanche quelli per caricarci eravamo già carichi del nostro».
Ora Grosso pensa al riposo. Gli azzurri rientrano nella notte in pullman al ritiro di Duisburg e solo l'orario di rientro determinerà il lavoro di domani, più che servire la fatica di stasera e a preparare tatticamente la finale di Berlino sarà buona per sapere chi sarà l'avversario del 9 luglio. «A questo punto non mi interessa, non ho preferenze - conclude - chiunque viene, noi ce la giochiamo fino in fondo». E con una favola in più quello di un terzino nato nel calcio di provincia, da Perugia a Palermo, è arrivato alla ribalta della finale di un mondiale.
Pirlo, premiato come miglior giocatore della partita, rivive la sua serata in chiave Messico '70. «Avevo detto che il mio sogno era di rivivere quel giorno magico dell'Azteca. E' stato così, ho rivissuto Messico '70. Nessuno può mettere in dubbio che noi abbiamo meritato la vittoria. Però ora vogliamo vincere la Coppa».
Francesco Grant

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400