Venerdì 22 Gennaio 2021 | 18:09

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
HomeCovid 19
Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
TarantoLa decisione
Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

 
HomeI dati
Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Sull'Afghanistan il Governo cerca la quadratura del cerchio

ROMA - Nonostante i problemi di tenuta politica nella maggioranza, il Governo cerca di stringere i tempi sul decreto di rifinanziamento, di parlare con una sola voce sull'Afganistan e, soprattutto, rafforza il pressing politico nei confronti della sinistra di maggioranza con le antenne puntate alle decisioni dell'Udc sempre più intenzionata a dare una mano all'Unione, almeno sull'Afghanistan.
E' stata una giornata di frenetici contatti e di tante telefonate: il ministro degli Esteri Massimo D'Alema da Berlino, dove ha incontrato il collega tedesco Frank-Walter Steinmeier, e il ministro della Difesa Arturo Parisi da Roma, hanno oggi precisato la posizione di palazzo Chigi sulla missione italiana che tra Kabul e Herat dispiega 1.400 militari, nel quadro della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf).
La missione italiana «non muta», ha scandito D'Alema, rilevando che i soldati italiani manterranno gli attuali compiti e regole di ingaggio e che un ritiro «non è nei programmi e neppure nelle possibilità».
Ci sarà una riduzione del numero dei militari italiani impegnati nella missione in Afghanistan, ha spiegato da parte sua Parisi, avvicinato a Roma dall'Ansa. «Ma questa riduzione è il risultato oggettivo della normale variabilità del personale ritenuto necessario per lo svolgimento delle attività previste nel semestre considerato e non di una scelta politica finalizzata ad un processo di riduzione intenzionale della nostra partecipazione alla missione», ha precisato. Ieri, al termine del vertice dell'Unione, il capogruppo di Rifondazione comunista Giovanni Russo Spena, aveva annunciato il raggiungimento di un accordo sulla riduzione del numero dei soldati, «intorno alle 300/400 unità».
Oggi, da Berlino, D'Alema, ha dichiarato che nella riunione di ieri «non si è entrati nel merito del numero dei soldati».
«La verità è che ieri ci siamo limitati ad illustrare il contenuto del provvedimento di rifinanziamento che il governo va predisponendo», ha chiarito Parisi."Per quel che riguarda la missione Isaf che opera in Afghanistan, il provvedimento è ispirato alla scelta del governo di onorare la continuità dell'impegno condiviso all'interno della Nato che guida la missione». «Continuità significa mantenimento nel secondo semestre di un impegno finanziario pari a quello del primo semestre», ha spiegato Parisi. E gli ha fatto eco D'Alema: «Il governo è orientato a confermare lo stanziamento finanziario previsto dal precedente semestre, con una piccola variazione e un aumento per la cooperazione civile».
Insomma, il quadro non cambia, nonostante l'annuncio del voto contrario di otto senatori della maggioranza in mancanza di segnali di «discontinuita». «L'accordo c'è», ha insistito D'Alema, secondo il quale, «nessuno si dispone a votare contro il provvedimento e a mettere in difficoltà il governo». Oggi, la coalizione governativa di Romano Prodi ha anche ottenuto l'appoggio dell'Udc.
Al vertice di ieri, gli alleati dell'Unione si sono parlati «con franchezza», ha riferito Parisi, «guidati dalla consapevolezza alla quale ci chiama la condivisione della responsabilità di governo e dal riconoscimento della differenza tra la situazione irachena e quella afghana».
Se la «delicatezza della situazione non consente di abbandonare il campo», il titolare della Difesa ha dato rassicurazioni sullo svolgimento di «un monitoraggio permanente» della situazione. Una richiesta pressante in questo senso era stata rivolta da Rifondazione comunisti e Verdi.
Continuità non significa però senza fine: «pur consapevoli che il conseguimento degli obiettivi dell'Isaf richiederà del tempo», la missione a Kabul e Herat non può comunque essere considerata «openended», cioè senza termine, ha rilevato Parisi. Chiarendo però che «le valutazioni che dovessero maturare assieme sarebbero naturalmente condivise con gli alleati ed affidate agli organi dell'alleanza con uno spirito di solidarietà che non ci consente scelte unilaterali ma ci impegna a decisioni collettive».
Marisa Ostolani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400