Sabato 23 Gennaio 2021 | 06:29

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Emanuele Filiberto: assurde le accuse nei miei confronti

ROMA - «Sono francamente incredulo perchè l'accusa che mi hanno fatto per oscuramento di sito non ha alcun senso». Lo riferisce ad un settimanale in un'intervista che esce domani, Emanuele Filiberto, parlando dell'inchiesta che ha portato in carcere suo padre, il principe Vittorio Emanuele di Savoia, venerdì scorso e chiarendo la sua posizione.

«C'era un sito internet, il www.pravdanews.com, che diffamava me e la mia famiglia (un sito che da un anno diffondeva clamorose rivelazioni sugli affari della famiglia reale, ndr), così ho iniziato un'azione legale per oscurarlo», riferisce. «Ho agito legalmente! - commenta - Non avrei potuto fare altrimenti. Del resto, che cosa avrei potuto fare? Forse versargli l'acqua nel server?».
A proposito poi delle accuse rivolte al padre, sottolinea: «Ancora non ci credo, mi sembra tutto incredibile». E sull'arresto aggiunge: « E' incredibile il modo con cui hanno svolto tutto. Un uomo di 70 anni è stato prelevato da agenti armati di mitra, neanche fosse un qualunque criminale (il racconto non corrisponde però al verbale d'arresto della questura di Potenza, ndr). La motivazione per l'arresto era il pericolo di fuga. Direi un'ipotesi ridicola, visto che mio padre non si sarebbe mai sottratto agli interrogatori e si sarebbe presentato spontaneamente dai magistrati».

Poi in riferimento alle intercettazioni osserva: «Credo che sia una vergogna processare una persona prima ancora di farla entrare in un'aula di giustizia. Non si possono pubblicare telefonate e quindi conversazioni private che oltretutto mettono in piazza cose del tutto personali». Infine, un auspicio: «Spero che anche questa volta venga fuori la verità e che sia fatta luce sui fatti. E soprattutto che mio padre venga scarcerato al più presto». Quanto al pubblico ministero Woodcock si limita a riferire: «Non voglio dire nulla. Non voglio dare giudizi, io. Spero solo che giustizia sia fatta al più presto. Giustizia vera».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400