Giovedì 21 Gennaio 2021 | 19:14

Il Biancorosso

Serie C
Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariEmergenza contagi
Bitonto, focolaio Covid a Villa Giovanni XXIII: 110 positivi tra anziani e operatori

Bitonto, focolaio Covid a Villa Giovanni XXIII: 110 positivi tra anziani e operatori

 
Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

«Vogliono colpire l'immagine del partito». In Alleanza Nazionale si chiede di convocare la direzione del partito

ROMA - «A fronte di un'indagine giuridica complessa avviata dal pm Woodcok che vede coinvolte persone di diversi ambienti per comportamenti che spetterà alla magistratura valutare attentamente, An registra una martellante campagna di stampa in corso da alcuni giorni che, a prescindere dalle posizioni al vaglio della magistratura, appare finalizzata a danneggiare gravemente An nella sua immagine e credibilità». Lo dichiarano congiuntamente i principali esponenti di An e cioè Altero Matteoli, Ignazio La Russa, Gianni Alemanno, Maurizio Gasparri, Mario Landolfi, Alfredo Mantovano, Cristiana Muscardini, Domenico Nania, Andrea Ronchi, Francesco Storace, Mirko Tremaglia e Adolfo Urso.

Gli esponenti di An aggiungono nella dichiarazione congiunta: «Da gran parte delle intercettazioni telefoniche, peraltro arbitrariamente divulgate, emergono infatti episodi o fatti sicuramente non penalmente rilevanti. Si tratta soprattutto di colloqui di carattere privato e, si ripete, irrilevanti sul piano penale. Con la conseguenza evidente - aggiungono - di gettare ombre sul partito, esponendolo ad una gogna mediatica inaccettabile».
Nell' interesse di tutta la comunità politica di An, reagiremo in modo compatto senza farci intimidire da alcuno, nella certezza che l'azione del partito è sempre stata improntata all' assoluto rispetto dei valori della legalità e della trasparenza. Manifestiamo sorpresa per le interviste rilasciate dal gip presso il tribunale di Potenza sulla gravità dei fatti prima ancora che venissero effettuati gli interrogatori di garanzia e chiediamo alle autorità di governo e all' Authority preposta di porre in essere ogni iniziativa per interrompere una volta per tutte le inopportune divulgazioni di intercettazioni telefoniche. Alla magistratura chiediamo di svolgere i propri accertamenti e le proprie verifiche con la massima sollecitudine. An è legittimamente turbata per quanto è accaduto ma ancor più coesa e determinata nel portare avanti i propri progetti politici di ammodernamento e di maggiore efficienza della giustizia».

BONATESTA A FINI, CONVOCHIAMO DIREZIONE
«Forse è il caso, a microfoni spenti e a telecamere oscurate, di parlarci un po' guardandoci negli occhi. Forse è il caso di convocare quanto prima la direzione del partito. E' il momento per farlo». E' la breve dichiarazione che fa Michele Bonatesta, componente della direzione nazionale ed ex senatore di An, dopo il caso Potenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400