Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 10:48

GDM.TV

i più visti della sezione

A Roma si aspettano i fascicoli su Laziogate e Daniela Fini

ROMA - Arriveranno nei prossimi giorni alla procura di Roma gli atti e le intercettazioni disposte dal gip di Potenza, nell'ambito dell'indagine del pm John Henry Woodcock su Vittorio Emanuele di Savoia. In procura a Roma dovrà essere trasferito il fascicolo sulla cosiddetta «concussione sessuale» che vede indagato, e agli arresti domiciliari il portavoce di Gianfranco Fini, Salvatore Sottile. Quest'ultimo, è stato ribadito oggi a Piazzale Clodio, sarà sentito inoltre, come persona informata dei fatti dai pm Italo Ormanni e Francesco Ciardi titolari del fascicolo sul cosiddetto Laziogate, ovvero il boicottaggio politico della lista As di Alessandra Mussolini alle scorse regionale e la «incursione informatica» nell'anagrafe del Comune di Roma per il quale sono indagati tra gli altri Francesco Storace e il suo ex portavoce, Nicolò Accame.

Sottile dovrà rispondere alle domande dei pm relativamente alla telefonata, intercettata dalla procura di Potenza, con il consigliere comunale di An, Fabio Sabbatani Schiuma. Colloquio nel quale lo stesso Sabbatani dice tra l'altro di aver preso «mille e trecento schede anagrafiche del Comune in maniera piratesca». Sabbatani nella telefonata parla anche di «un giudice amico» e fa riferimento a un magistrato della Commissione elettorale il cui voto fu determinante per la bocciature della lista Alternativa Sociale.

A Roma potrebbe inoltre finire il fascicolo e gli atti dell'inchiesta di Potenza che riguardano Daniela Fini. Nell'ordinanza del gip Iannuzzi, che invita a indagare sui suoi rapporti con il senatore Francesco Cosimi Proietti, indagato dalla stessa procura potentina nell'ambito dell'indagine sulla corruzione e sfruttamento della prostituzione che ha coinvolto, con il suo arresto, il principe Vittorio Emanuele di Savoia.
In particolare, secondo le intercettazioni telefoniche, potrebbe finire alla competenza della procure della capitale il fascicolo e gli atti in cui si fa riferimento a presunti favori e assunzioni alle Poste per un amico della figlia di Daniela Fini e le vicende societarie della stessa Daniela Fini e Proietti Cosimi. In particolare nelle intercettazioni si fa riferimento a due società che avevano interessi con strutture sanitarie private della Capitale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo