Martedì 19 Gennaio 2021 | 13:43

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Policlinico Bari, la Procura fa appello: «Nei tubi c'è ancora legionella»

Policlinico Bari, la Procura fa appello: «Nei tubi c'è ancora legionella»

 
LecceNel Salento
Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
Foggianel Foggiano
Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

«Autorizzò lui la strage di soldati italiani a Nassiriya»

Iraq - NassiriyaROMA - Anche la strage di Nassiriya del 12 novembre 2003, in cui morirono 19 italiani, fu approvata - cioè autorizzata - dal leader di Al Qaida in Iraq, il giordano Abu Musab Al Zarqawi ucciso ieri sera dalle Forze della coalizione: è quello che ha affermato l'organizzatore reo confesso di quel sanguinoso attentato, Abu Omar al Kurdi, che proprio domani dovrebbe essere sentito in videoconferenza dai magistrati romani che indagano sulla strage.
«Ho organizzato 36 attacchi suicidi e, tra questi, anche quello di Nassiriya», ha già detto al Kurdi, 37/enne iracheno, ai carabinieri del Ros che lo sentirono il 13 marzo 2005 in un carcere di Baghdad. Si trattò di una «piena confessione» del presunto regista della strage, ritenuto dagli inquirenti uno dei luogotenenti di al Zarqawi.
L'uomo, già condannato a morte nel suo Paese perchè accusato di aver gestito molteplici azioni suicide, ammise di aver organizzato l'attentato di Nassiriya, aggiungendo che fu approvato da Zarqawi e da al Qaida. Dalla sua confessione e da una serie di riscontri i carabinieri del Ros e i magistrati del pool antiterrorismo di Roma sono riusciti a ricostruire l'organizzazione e la dinamica dell'attentato, dando un nome a tutti i responsabili.

Insieme ad al Kurdi, responsabile dell'operazione sarebbe stato un altro terrorista, Thamer Haji, poi ucciso a Falluja. L'attentato sarebbe stato pianificato inizialmente per metà ottobre 2003, ma venne mandato a monte dalla polizia irachena, che sequestrò il camion con l'esplosivo, guidato da Thamer, mentre l'altra autobomba un'ambulanza - arrivò regolarmente a destinazione. La guidava lo stesso al Kurdi, e a bordo c'erano i due kamikaze designati, entrambi provenienti dalla 'fabbrica dei martirì di Falluja: Abu Zubeir al Saudi, 'il saudità, e un giovane giordano, Abu Abdallah Orduni.
L'attentato venne rinviato. «L'ambulanza avrebbe detto al Kurdi - fu impiegata per l'azione suicida contro la Croce rossa a Baghdad», mentre il camion «venne restituito un mese dopo a Thamer pagando solo 300 dollari». Era l'alba del 12 novembre e gli italiani potevano essere uccisi.
Al Kurdi riferisce che Thamer restò sul posto per documentare l'esito dell'esplosione e che a compiere l'attentato - a bordo del camion carico di 3.500 chili di tritolo e di ordigni di vario tipo - fu Abu Zubeir, circostanza che sarebbe stata confermata da una serie di riscontri raccolti dal Ros.
Ma i kamikaze, secondo le testimonianze, erano due: uno guidava il camion, l'altro sparava all'impazzata contro i militari italiani di guardia alla base Maestrale. Chi era il secondo? I carabinieri l' hanno scoperto all'inizio di quest anno, in seguito ad un'attività svolta congiuntamente con la Guardia Civil spagnola che ha consentito di sgominare una cellula di terroristi specializzata nel reclutamento e nell' invio di mujahiddin in Iraq. Tra questi ci sarebbe stato proprio uno dei due kamikaze di Nassiriya: Bellil Belgacem, algerino. La prova è arrivata dalla comparazione del Dna del fratello di Belgacem con quello repertato dagli investigatori sul luogo della strage.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400