Venerdì 22 Gennaio 2021 | 14:22

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
LecceL'iniziativa
«Back to school»: a Lecce l'evento in streaming con i ministri Azzolina e Spadafora

«Back to school»: a Lecce l'evento in streaming con i ministri Azzolina e Spadafora

 
Barinel Barese
Modugno, 51enne si sente male in casa: cane abbaia a lungo e allerta i vicini: è salva

Modugno, 51enne si sente male in casa, cane abbaia a lungo e allerta i vicini: è salva

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
FoggiaIl caso
Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

Foggia: «Ho fatto il tampone, ma forse non è il mio»

 
Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Crisi Natuzzi - Cgil, Cisl e Uil contestano l'azienda e la Regione

Sciopero - Cgil, Cisl e Uil POTENZA - I segretari generali della Basilicata di Cgil, Cisl e Uil - Angelo Vaccaro, Nino Falotico e Michele Delicio - in una nota congiunta, hanno ribadito «il giudizio largamente negativo già espresso circa il contenuto del piano di riorganizzazione 2006-2008 presentato dalla Natuzzi ai sindacati di categoria poiché considerato non convincente».
I tre segretari, inoltre, si sono detti «esterrefatti per le improvvide dichiarazioni rese alla stampa dal presidente De Filippo e dall'assessore regionale Salvatore con le quali hanno espresso soddisfazione per la scelta del gruppo imprenditoriale di continuare a considerare la Basilicata come un'area strategica alla sua iniziativa industriale». Vaccaro, Falotico e Delicio hanno detto di «non condividere questa soddisfazione fuori luogo, poiché la risultante immediata di questo processo di riorganizzazione è la completa cessazione delle attività produttive degli stabilimenti materani di Iesce e La Martella che verrebbero sostituiti da un fantomatico polo logistico integrato che appare null'altro che un grande magazzino di stoccaggio».
Nel definire «incomprensibile il ruolo svolto dalla task force regionale, che avrebbe dovuto sovrintendere, con una nuova filosofia di approccio, da un lato alla elaborazione di strumenti di politica industriale e di attrattività d'impresa e dall'altro al governo dei processi di crisi settoriali e delle grandi imprese», Vaccaro, Falotico e Delicio hanno spiegato di aver «l'impressione che continui ad attardarsi nella semplice gestione notarile delle crisi, segnatamente sul versante dell'utilizzo degli ammortizzatori sociali. Lo stesso ruolo di Confindustria - hanno concluso - non può esaurirsi nel certificare la chiusura delle aziende, mentre sarebbe più utile contribuire a sostenere una vera fase di concertazione trilaterale (Regione, sindacati e imprenditori) finalizzata ad un accordo per il rilancio della competitività e delle politiche industriali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400