Sabato 23 Gennaio 2021 | 02:34

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Sua maestà il lupo, salvato in extremis ora «regna» nuovamente negli Appennini

lupoROMA - Il timore che la presenza dei lupi venisse cancellata dal territorio italiano è oramai solo un ricordo. Negli anni settanta, i lupi in Italia erano ridotti a poche decine di esemplari, e parallelamente al declino numerico si erano ridotte anche le aree geografiche della loro presenza, e solo in Abruzzo e in Calabria venivano segnalate sporadiche apparizioni. La causa della quasi estinzione è sempre la stessa: la persecuzione da parte dell uomo che li decimava col bracconaggio e con i bocconi avvelenati. Ma dagli anni settanta, appunto, c'è stata un'inversione di tendenza al fenomeno, sono cresciute le attenzioni verso i lupi e la loro salvaguardia. Da allora inizia una lenta ma continua crescita, fino a raggiungere le 300 unità attuali. Un ruolo di primo piano per la tutela del lupo lo svolge il centro gestito dal Corpo forestale dello Stato a Popoli, in Abruzzo. Risale alla fine degli anni 80 infatti la il primo progetto (Banca Genetica del Lupo) realizzato a Popoli, in stretta collaborazione con l'Università di Roma - Dipartimento di Biologia Animale e dell Uomo. Allora la situazione della specie sul territorio era ancora fortemente a rischio, tanto da giustificare la creazione ed il mantenimento di un gruppo di individui a garanzia della sua persistenza in caso di crolli drastici in natura. Nel tempo il lupo è gradatamente uscito dalla stretta emergenza per ragioni di diverso ordine, tra cui: le mutate politiche di gestione del territorio, una aumentata sensibilità ecologica in molti, leggi a favore della sua tutela in particolare e dell ambiente in generale. Di conseguenza sono state rimodulate le iniziative del Corpo Forestale che ha individuato nuovi obiettivi di lavoro sempre comunque finalizzati alla conservazione; la specie infatti seppur uscita dalla emergenza è ancora minacciata. Recuperare animali feriti e, ove possibile, restituirli alla vita selvatica; gestire una colonia in cattività in rete con le altre strutture presenti sul territorio italiano e grazie a questo garantirne il mantenimento della necessaria variabilità genetica, collaborare nelle attività di ricerca finalizzate all approfondimento di tutti quegli aspetti difficili da indagare in natura considerata l elusività della specie, educare e creare cultura nella convinzione che la conoscenza del lupo, oltre alle emozioni che ne derivano, è di fatto uno dei modi migliori per contribuire alla sua conservazione; tutto questo è oggi il Centro del Lupo di Popoli. La struttura, situata nel Comune di Popoli (PE), è formata da 9 recinti, per un area di circa 20mila metri quadrati, compreso il settore didattico, ed ospita 12 animali. A questa struttura vanno aggiunti altri 4 recinti (2.500 metri quadrati cadauno) che si trovano in località Colle del Corvo, utilizzati solo per particolari esigenze. Oltre ai recinti, in cui si svolgono le attività descritte, in località Impianezza, presso il Centro Aziendale, è ubicato il Centro Visite del Lupo, un vero e proprio centro di educazione sulla specie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400