Martedì 11 Dicembre 2018 | 02:23

GDM.TV

i più visti della sezione

«Chi» è Emma Bonino

ROMA - Da "pasionaria" radicale, l'immagine politica di Emma Bonino si è via via trasformata in quella di personaggio politico pronto a ricoprire gli impegni di maggiore responsabilità. Dovrebbe ricevere nel nuovo governo Prodi l' incarico delle politiche comunitarie e forse anche altre competenze. Nata il 9 marzo 1948 a Bra (Cuneo), laureata in lingue e letteratura moderna all'università Bocconi di Milano, Emma Bonino, sin dagli inizi degli anni Settanta è impegnata nelle battaglie dei diritti civili, umani e politici. Nel 1975 fonda il Centro informazione sterilizzazione e aborto (Cisa) insieme ad Adele Faccio. Per questa attività sarà anche arrestata. Nel 1976 viene eletta deputato nelle liste del Partito radicale.
Due anni più tardi è una delle più impegnate sostenitrici del referendum contro il nucleare. Nel maggio 1978 appare imbavagliata, insieme a Pannella, in una tribuna politica tv per denunciare la censura Rai nei confronti dei radicali. Rieletta nel 1979, entra in quello stesso anno nel Parlamento europeo lanciando con Marco Pannella la campagna contro «lo sterminio per fame nel mondo».
Risalgono alla seconda metà degli anni '80 le sue campagne internazionali per la difesa dei diritti umani, in particolare degli ebrei russi, ed è anche arrestata dalla polizia a Praga e Varsavia.
Presidente del Partito radicale transnazionale per due anni, rieletta deputata nel 1992, la Bonino nel febbraio 1993 diventa segretaria del Partito. Alle elezioni politiche del 1994 viene eletta per i Riformatori nel Polo delle libertà. E' incaricata dal governo Berlusconi di esprimere la posizione italiana in sede Onu sull'istituzione del Tribunale permanente sui crimini contro l'umanità e nell'ottobre 1994 nominata commissario europeo agli Aiuti Umanitari, ai Consumatori e alla Pesca. Dal 1979, quando è stata eletta per la prima volta al Parlamento europeo (rieletta nel 1984, nel 1999 e nel 2004), Emma Bonino ha rivestito diversi incarichi internazionali. Ma soprattutto Emma Bonino ottiene un enorme successo politico alle elezioni europee del 1999, quando la lista che porta il suo nome ottiene l'8,5% circa. Nello stesso anno la Bonino avanza pubblicamente, con una campagna tv, la candidatura alla presidenza della Repubblica.
Nel 2005, infine, Emma Bonino è stata a capo dei 13 osservatori dell'Unione Europea incaricati di verificare il corretto svolgimento delle elezioni in Afghanistan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca