Sabato 15 Dicembre 2018 | 03:57

GDM.TV

Per la prima volta parteciperanno i grandi elettori

TRIESTE - Per la prima volta, lunedì prossimo, alla cerimonia di giuramento del Presidente della Repubblica di fronte al Parlamento a Camere riunite, saranno presenti, oltre ai parlamentari, anche i «grandi elettori» regionali che hanno partecipato all' elezione del Capo dello Stato.
L' innovazione è stata chiesta dal Presidente del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia, Alessandro Tesini, quale Coordinatore della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative .
«Un' innovazione - ha detto Tesini - che potrebbe sembrare scontata ma che in realtà è di grande significato e inverte l' orientamento seguito per 60 anni. Finalmente - ha aggiunto - lo spirito del nuovo Titolo Quinto della Costituzione, che introduce a una Repubblica retta sulle autonomie, incardinandole nel principio della leale collaborazione interistituzionale tra Regioni e Stato, diventa prassi».
Ed è a questo principio - ha spiegato Tesini che, in qualità di coordinatore della Conferenza parteciperà al Quirinale alla cerimonia di insediamento di Giorgio Napolitano - si è rifatto quando ha indirizzato alla Presidenza della Camera la richiesta di estensione della partecipazione dei grandi elettori a quella che è definita «la presa d'atto dell'assunzione delle funzioni presidenziali», ottenendo rapidamente un facile consenso dopo che gli uffici, approfondita la questione, avevano riconosciuto il fondamento della richiesta.
«Il Friuli Venezia Giulia - ha ricordato Tesini - vanta un illustre e significativo precedente al riguardo, che ha fatto scuola per vent'anni e che è stato superato da questo intervento. Nel 1985, infatti, in occasione dell'elezione del Presidente Francesco Cossiga, l'allora grande elettore e già Presidente della Giunta Regionale Antonio Comelli, indirizzò analoga richiesta alla Presidente della Camera Nilde Jotti, la quale rispose cortesemente, ma irremovibilmente, affermando, in questo sostenuta dalla dottrina e dagli esperti del tempo, che la funzione dei grandi elettori si esauriva alla sola elezione e che da quel momento in poi subentrava la prassi ordinaria che non ammetteva esterni ai lavori della Camera e del Parlamento riunito».
«Sono passati venti anni - ha concluso Tesini - ma dal punto di vista della cultura istituzionale siamo davvero in un'altra epoca, e anche questi segnali, apparentemente solo simbolici, ne confermano la sostanza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori