Mercoledì 16 Ottobre 2019 | 06:12

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantonel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

Peacelink: a Taranto quasi 9mila malati di cancro Ilva e inquinamento Blitz Gdf a ministero Ambiente

TARANTO - Sono 8.916. secondo fonte Asl, le persone che hanno l'esenzione dal ticket per malattie tumorali (contraddistinta dal 'codice 048') nella città di Taranto. Lo rende noto Peacelink, sottolineando che nel distretto sanitario 3, che comprende i quartieri più vicini all'Ilva (Tamburi, Paolo VI, Città vecchia e parte del Borgo), c'è un malato di cancro ogni 18 abitanti. «Per la precisione - spiega in una nota il presidente dell'associazione ambientalista, Alessandro Marescotti - sono 4.328 malati su 78mila abitanti. Questo significa che se venti persone si riuniscono in una stanza nel quartiere Tamburi almeno una ha un tumore».
Peacelink: a Taranto quasi 9mila malati di cancro Ilva e inquinamento Blitz Gdf a ministero Ambiente
TARANTO E' bastato cliccare sul numero di utenti identificati con un codice considerato 'maledettò in campo sanitario, lo '048' (che dà diritto all’esenzione dal ticket), ed è scaturita la cifra preoccupante: sono poco meno di novemila, per l’esattezza 8.916, i residenti nella città di Taranto malati di cancro.

Il dato è stato diffuso dall’associazione ambientalista Peacelink dopo che un’associazione senza fini di lucro, 'Puglia internazionalè, che si occupa da un decennio di promozione sociale, avendo rilevato nel suo lavoro numerose situazioni famigliari che coinvolgevano persone malate di cancro, ha chiesto e ottenuto dalla Asl ionica la cifra dei tarantini che risultano aver contratto un tumore.

I dati diventano molto più preoccupanti se si analizzano quelli del distretto sanitario 3, che comprende i quartieri più vicini all’Ilva e all’area industriale, ovvero Tamburi, Paolo VI, Città vecchia e parte del Borgo. Qui, su 78mila abitanti, in 4.328 hanno contratto il cancro, cioè un abitante su 18. In pratica, sostiene Peacelink, è come se tra 20 persone riunite in una stanza ai Tamburi almeno una avesse un tumore.

Quanto influiscano su queste cifre le emissioni dall’area industriale, sottolinea l’associazione ambientalista, è testimoniato dal fatto che nel restanti quartieri della città, quelli più lontani dalle industrie, c'è un malato di cancro ogni 26 abitanti. Ad esempio, nel distretto sanitario 4 i malati di tumore sono 4.588 rispetto ad una popolazione di 120mila unità. Senza contare tutti coloro che potrebbero avere un tumore in formazione non ancora diagnosticato.

Con questi dati in mano, diffusi anche sul suo profilo Facebook, il presidente di Peacelink, Alessandro Marescotti, attacca innanzitutto il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano. "E' un medico – scrive – avrebbe potuto compiere questa ricerca. Perchè non lo ha fatto?".

Poi rivolge un appello all’Ordine dei medici affinchè approfondisca quei dati per ottenere dati istantanei sulle malattie gravi, le diagnosi e i ricoveri e avere un quadro aggiornato della situazione quartiere per quartiere.

La denuncia di Peacelink arriva alla vigilia del primo incontro ufficiale che il commissario straordinario dell’Ilva, Enrico Bondi, avrà domani a Roma con i sindacati nazionali e locai di categoria. Il Siderurgico tarantino è il primo e più pesantemente indiziato per l’inquinamento cittadino, come rilevato nelle perizie depositate nell’ambito dell’inchiesta-madre per disastro ambientale che la Procura di Taranto si avvia a concludere. Dati che nei mesi scorsi lo stesso Bondi aveva indirettamente 'contestatò con una sorta di controperizia, il cui incarico era stato affidato dall’ex presidente dell’Ilva Bruno Ferrante. Chissà se domani anche quelle cifre peseranno nel dialogo tra azienda e parti sociali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400