Martedì 19 Gennaio 2021 | 23:39

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
PotenzaIl virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
BariIl caso
Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 

i più letti

A Milano la Moratti contestata dal corteo lo abbandona dopo pochi metri

MILANO - Letizia Moratti, scesa dal suo ufficio in via Durini, è entrata in corteo che passa per San Babila. I manifestanti urlano «vai a lavorare, vai a lavorare». Per l'entrata della candidata sindaco nel corteo ci sono momenti di tensione. Letizia Moratti è accompagnata oltre che dalla scorta anche da alcuni esponenti del sindacato e del centrosinistra, solo che dopo pochi metri le contestazioni si fanno così forti che la candidata sindaco è costretta ad abbandonare la manifestazione.
I poliziotti l'hanno scortata fuori all'altezza di via Cavallotti, lungo corso Europa.
Lasciando il corteo, Letizia Moratti ha ringraziato la Cgil, la Cisl e la Uil, che hanno voluto e consentito la sua partecipazione alla manifestazione del Primo Maggio.
«Ringrazio Cgil, Cils e Uil - ha detto Moratti - e la stragrande maggioranza del sindacato favorevole alla mia partecipazione».
Moratti ha quindi sottolineato l'importanza del sindacato: «Un sindacato che dimostra di essere aperto e capace di costruire relazioni industriali e sindacali positive. Dobbiamo guardare al futuro per costruire un domani di lavoro per tutti i cittadini milanesi e per tutti coloro che vengono a Milano. Lo potremo fare anche grazie a questo sindacato».
Alla domanda di un giudizio sulle contestazioni, la candidata sindaco ha replicato: «I fischi fanno parte della democrazia».

C'è stata una grande ressa, al momento in cui la Moratti lasciava il corteo: una giornalista di Telereporter è stata travolta dalla gente ed è caduta a terra.
Una donna, invece, ha riportato una leggera ferita alla fronte a quanto pare per l'urto di una telecamera, nella ressa.

«La partecipazione di Letizia Moratti diventa una provocazione per le tante persone che oggi partecipano al 1/o Maggio». Lo ha detto il candidato sindaco per il centrosinistra Bruno Ferrante dopo le contestazioni in corteo a Letizia Moratti.
«Credo comunque che sarebbe meglio che non ci fossero i fischi - ha sottolineato Ferrante - ma quando si partecipa in queste condizioni a una manifestazione come questa, era prevedibile che ci fossero i fischi. Ribadisco ancora oggi il mio no alle strumentalizzazioni, perchè anche i fischi possono servire in campagna elettorale. Bisogna essere coerenti sui valori e sui principi ed evitare ogni opportunismo politico proprio per non confondere i valori e i principi».
«Tra l'altro ritengo che Letizia Moratti fosse consapevole di quello che sarebbe successo - ha proseguito l'ex prefetto -. Non si può giocare su valori e principi per comodità elettorali».
«Oggi si celebra il lavoro come il 25 Aprile si celebrava l'antifascismo e la libertà - ha detto ancora Ferrante -, o ci si riconosce in questi valori o non si partecipa a queste manifestazioni. Letizia Moratti ha fatto un' alleanza con la Fiamma Tricolore dimostrando di non credere all'antifascismo».
«E d'altro canto - ha concluso il candidato sindaco del centrosinistra - lo ha dimostrato nella sua vita non partecipando mai alla festa della Liberazione e al Primo Maggio. La sua partecipazione diventa una provocazione per le tante persone che oggi partecipano appunto al Primo Maggio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400