Lunedì 10 Dicembre 2018 | 22:29

GDM.TV

i più visti della sezione

Al primo suono della «campanella», tutti in aula i deputati. La Camera inizia i suoi lavori senza Berlusconi

ROMA - Al primo suono della «campanella», tutti in aula. Alla Camera sono schierati i principali leader di tutti i partiti quando il presidente provvisorio Fabio Mussi apre la prima seduta della nuova legislatura. Romano Prodi e Massimo D'Alema entrano insieme nell'emiciclo, dopo essersi a lungo intrattenuti insieme in occasione della registrazione da deputati alla Sala della Regina. Poi le loro strade si 'dividonò: D'Alema si siede in prima fila sulla parte sinistra dell'aula. Il professore invece al centro dell'emiciclo, accanto al fidato Richi Levi.

Fausto Bertinotti non si perde un momento di questo «pronti, via» che dovrebbe portarlo dritto dritto sullo scranno più alto di Montecitorio. Oliviero Diliberto presidia l'ala sinistra dell'aula. Insieme a lui il neo deputato Prc Francesco Caruso. I due non smettono un attimo di parlottare fitto fitto. Il leader del Pdci si interrompe per applaudire la bandiera di Israele al richiamo di Mussi ai fatti di Milano del 25 aprile. Caruso resta indifferente anche all'invito del presidente provvisorio dell'aula. Presente anche Alfonso Pecoraro Scanio e Antonio Di Pietro che si piazza appena una fila al di sotto di Prodi e Levi.
Enrico Boselli prende subito la parola per denunciare «il milione di voti della Rnp rimasti senza rappresentanza al Senato» per colpa della legge elettorale. Fassino arriva alle 10,28 con qualche minuto di ritardo e si va a sedere accanto a Luciano Violante, secondo la cosuetudine rispettata anche nella legislatura precedente.

Nel centrodestra puntuali all'appuntamento il leader di An Gianfranco Fini e quello dell'Udc, Pier Ferdinando Casini. Attorniato dai suoi si gode il ringraziamento espresso da Mussi per il presidenza passata. Un lungo applauso dell'aula e baci e abbracci dai deputati dell'Udc. Lui si schernisce e sorride. Per la Lega Bobo Maroni raggiunge il capogruppo uscente Andrea Gibelli. All'appello manca solo Silvio Berlusconi. Per tutta la mattinata si attende il suo arrivo, ma sembra che il presidente del Consiglio arriverà a Montecitorio solo alla ripresa della seduta prevista alle 13.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca