Venerdì 14 Dicembre 2018 | 08:23

GDM.TV

Legambiente: subito un sarcofago o sarà di nuovo catastrofe

ROMA - «Subito il nuovo sarcofago o sarà una catastrofe annunciata». E' l'allarme di Legambiente che dalla centrale nucleare di Cernobyl denuncia lo stato della costruzione che copre il reattore numero 4.
«Il rischio di crollo è sempre più alto - spiega Francesco Ferrante, direttore generale dell'associazione ambientalista -. Secondo i tecnici che hanno ricevuto la nostra delegazione allo stabilimento nucleare ci sono 100mq di nuove crepe che permettono l infiltrazione di 2200mc di acque piovane ogni anno. La parete ovest del sarcofago è inclinata di 60 cm, il tetto pericolante e sul lato sud c'è un'enorme falla. Cernobyl sembrerebbe essere stata cancellata dalla lista delle emergenze globali». «A dieci anni di distanza nulla è stato fatto», denuncia Ferrante e si chiede «dove sono finiti i 600 milioni di dollari (a fronte del miliardo necessario alla costruzione del nuovo sarcofago)?». «Se mai il sarcofago dovesse cedere, ci sarebbe una catastrofe ben peggiore di quella dell'86 - aggiunge Angelo Gentili, responsabile del Progetto Cernobyl di Legambiente. - Eppure la comunità internazionale si ricorda di Cernobyl solo il 26 aprile. Ai proclami di Lukashenko (ripopolare tutte le zone bielorusse tutt'ora contaminate) e Yuschenko (la costruzione del nuovo sarcofago entro l'estate 2006) - sottolinea Gentili - si contrappone la drammatica situazione dei 7 milioni di persone che tra Ucraina, Russia e Bielorussia, ancora abitano in zone contaminate. Di queste, un milione e 200mila si trovano nei 150.000 kmq di territorio altamente radioattivo». La comunità internazionale - sottolineano da Legambiente - ha avuto modo si scoprire la pericolosità della tecnologia nucleare, ma la corsa all'atomo non si ferma: solo in Ucraina i piani governativi prevedono 11 nuove centrali nucleari, 2 in costruzione (Khmelnytsky e Rivne) grazie ai finanziamenti Ue, e altre 9 su carta. Per aiutare la costruzione delle centrali (1,4 miliardi di dollari), la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo ha previsto un'elargizione di 42 milioni di dollari che si aggiungono agli 83 milioni di dollari stanziati dall'Euratom, per un totale di 125 milioni di dollari.
Restano però nell'ombra i dati sanitari e ambientali. Per questo Legambiente ha avviato proprio in questi giorni un nuovo monitoraggio, in collaborazione con l'Arpa Emilia Romagna su acqua, aria, suolo e cibo (carni, latte e uova) che si conclude il prossimo 2 maggio: «Al momento disponiamo dei risultati della sola Provincia di Chojniki (è la zona a metà strada tra Cernobyl e Kiev) - spiega Maurizio Gubbiotti, della segreteria nazionale di Legambiente - dove la contaminazione risulta andare dai 300 ai 1800 mSv/h quando il valore in natura dovrebbe aggirarsi intorni ai 100 mSv/h». (MSv sta per (Milli)Sievert e il Sievert è l'unità di misura della quantità di radiazione ionizzante assorbita da un tessuto tenendo conto degli effetti biologici, ndr.).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO