Giovedì 21 Gennaio 2021 | 12:51

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel Barese
Casamassima, è ai domiciliari ma spaccia dal balcone: 19enne arrestato 2 volte in 3 giorni

Casamassima, è ai domiciliari ma spaccia dal balcone: 19enne arrestato 2 volte in 3 giorni

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
FoggiaIl caso
Foggia, rubati gasolio e attrezzi nella nuova caserma dei Vigili del Fuoco

Foggia, rubati gasolio e attrezzi nella nuova caserma dei Vigili del Fuoco

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 

i più letti

I ricorsi possibili solo alle nuove giunte per le elezioni delle Camere

ROMA - Con la proclamazione da parte della Corte di Cassazione dei risultati complessivi delle elezioni e la conseguenziale proclamazione degli eletti affidata agli uffici circoscrizionali presso le Corti d'Appello, il procedimento elettorale «si chiude». «La palla passa al nuovo Parlamento che, in base all'articolo 66 della Costituzione, è il giudice delle elezioni: le nuove Camere eleggono le Giunte provvisorie per le elezioni, alle quali tocca il compito di esprimersi su eventuali ricorsi». E' il costituzionalista Beniamino Caravita a spiegare gli eventuali passaggi successivi dopo il verdetto della Suprema Corte che ha confermato la vittoria del centrosinistra alle elezioni del 9 e 10 aprile.

Un risultato che può essere contestato, quindi, solo con un ricorso alla Giunta per le elezioni di Camera e Senato, una volta che il nuovo Parlamento si sarà insediato, «non apparendo praticabile -sostiene Caravita- l'ipotesi di un decreto legge che introduca ulteriori fasi di controllo». L'attribuzione del controllo dei risultati delle elezioni parlamentari allo stesso Parlamento appare comunque «storicamente superata": «Quasi tutte le altre democrazie moderne affidano il controllo dei risultati agli organi di giustizia costituzionale», osserva Caravita, sottolineando che «tale previsione ha comunque diretto fondamento costituzionale».

Certo, ragiona ancora il costituzionalista, l'ordinamento italiano prevede una «valvola di chiusura» delle controversie politiche: si tratta del «conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato, di cui è giudice la Corte costituzionale, che fino ad oggi si è sempre dimostrato uno strumento estremamente flessibile». «Si tratta comunque di ipotesi allo stato remote e certo non auspicabili», conclude Caravita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400