Sabato 16 Gennaio 2021 | 13:16

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Materala ripresa
Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e quello di Palazzo Lanfranchi

Matera, dal 18 gennaio riaprono i musei «Ridola» e di Palazzo Lanfranchi

 
Newsweekla speranza
Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

Xylella e tecnologia: il batterio sfidato dalle nanocapsule hi-tech

 
Baristalking
Santeramo, perseguita la ex e le incendia auto: arrestato 40enne

Santeramo, perseguita la ex e le incendia auto: arrestato 40enne

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 

i più letti

Impennata del prezzo del petrolio - La Coldiretti: «rimediamo subito con i biocarburanti»

Coldiretti ROMA - «Con il prezzo del petrolio attorno ai 72 dollari al barile, circa 60 euro, la produzione europea di biodiesel ottenuta dalle coltivazioni agricole è competitiva con il normale carburante già con le attuali tecnologie e senza considerare i minori costi ambientali determinati dalla riduzione dell'inquinamento». Ne è convinta la Coldiretti che commenta così il nuovo record toccato oggi dal prezzo del brent.
La fiammata del prezzo dell'oro nero, rileva l'organizzazione agricola, «rafforza l'impegno dell'Ue, che, nell'ultimo Consiglio dedicato al problema energetico ha previsto "di espandere l'utilizzo di biocarburanti nel settore dei trasporti, con la prospettiva di aumentare entro il 2015 la proporzione di utilizzo fino all'8% attraverso un dialogo costruttivo con il settore petrolifero, accordando il massimo sostegno possibile alla ricerca e allo sviluppo dei biocarburanti della seconda generazione"».
Dunque, sottolinea la Coldiretti, «lo sforzo dell'Unione Europea è coerente con le scelte fatte da Paesi come gli Stati Uniti, dove è stata imboccata una direzione di marcia verso fonti alternative con l'approvazione di un pacchetto di norme sull'energia con il proposito di raddoppiare entro il 2012 la produzione di biocarburanti fino a 7,5 miliardi di galloni (28,43 miliardi di litri), che includono biodiesel, bioetanolo e combustibile da biomasse».
«Tuttavia - sottolinea ancora la Coldiretti - l'Ue è fortemente in ritardo sulla tabella di marcia fissata per raggiungere l'obiettivo finale, che prevedeva di sostituire entro il 2005 il 2% dei consumi totali di benzina e gasolio da autotrazione con biocarburanti, per poi salire al 5,75% entro il 2010, per far fronte agli impegni assunti con la firma del protocollo di Kyoto. Si tratta - denuncia da ultimo l'organizzazione agricola - di un ritardo che l'Italia può contribuire a colmare grazie alla rivoluzione nei serbatoi che partirà su tutte le macchine circolanti sul territorio nazionale dal luglio 2006, che è la data prevista dalla legge 81/2006 fortemente sostenuta dalla Coldiretti per l'obbligo di miscelare il normale carburante con almeno una percentuale dell'1% di biocarburanti derivanti dalle coltivazioni agricole, da incrementare di un punto per ogni anno, fino al 2010. Una decisione che significa un impegno delle imprese agricole per indirizzare a coltivazioni energetiche pari nel primo anno a 273 mila ettari di terreno nazionale, destinati peraltro a moltiplicarsi negli anni successivi per arrivare a quasi 1 milione e 400 mila ettari nel 2010».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400