Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 20:54

GDM.TV

Giovedì Santo - Il messaggio di Benedetto XVI

CITTÀ DEL VATICANO - Non «servi», ma «amici di Cristo». Questo, per Benedetto XVI, il nucleo dell'essere sacerdoti. Al significato della missione sacerdotale, il Papa ha dedicato questa mattina la sua omelia nella messa crismale del Giovedì Santo, da lui concelebrata nella basilica vaticana con i cardinali, i vescovi e i presbiteri presenti a Roma. Papa Benedetto XVI
«Non vi chiamo più servi, ma amici - ha detto il Papa citando un passo del Vangelo di Giovanni -: in queste parole si potrebbe addirittura vedere l'istituzione del sacerdozio. Il Signore ci rende suoi amici: ci affida tutto; ci affida se stesso, così che possiamo parlare con il suo Io - in persona Christi capitis. Che fiducia! Egli si è davvero consegnato nelle nostre mani».
«Non vi chiamo più servi ma amici - ha ribadito -. È questo il significato profondo dell'essere sacerdote: diventare amico di Gesù Cristo. Per questa amicizia dobbiamo impegnarci ogni giorno di nuovo. Amicizia significa comunanza nel pensare e nel volere. E questa comunione di pensiero non è una cosa solamente intellettuale, ma è comunanza dei sentimenti e del volere e quindi anche dell'agire».
Benedetto XVI ha raccomandato ai sacerdoti di essere soprattutto «uomini di preghiera». «Il mondo nel suo attivismo frenetico - ha sottolineato - perde spesso l'orientamento. Il suo agire e le sue capacità diventano distruttive, se vengono meno le forze della preghiera, dalle quali scaturiscono le acque della vita capaci di fecondare la terra arida».
«Nel gesto sacramentale dell'imposizione delle mani da parte del Vescovo - ha aggiunto - è stato il Signore stesso ad imporci le mani. Questo segno sacramentale riassume un intero percorso esistenziale». Più volte, poi, il Papa ha ripetuto che «essere sacerdote significa diventare amico di Gesù Cristo, e questo sempre di più con tutta la nostra esistenza».
«Il mondo - ha aggiunto - ha bisogno di Dio - non di un qualsiasi dio, ma del Dio di Gesù Cristo, del Dio che si è fatto carne e sangue, che ci ha amati fino a morire per noi, che è risorto e ha creato in se stesso uno spazio per l'uomo. Questo Dio deve vivere in noi e noi in Lui. È questa la nostra chiamata sacerdotale: solo così il nostro agire da sacerdoti può portare frutti».
La conclusione è stata affidata a un ricordo di don Andrea Santoro, il sacerdote assassinato a Trebisonda, in Turchia, mentre pregava, di cui Benedetto XVI ha letto un passo: «Sono qui per abitare in mezzo a questa gente e permettere a Gesù di farlo prestandogli la mia carne. Si diventa capaci di salvezza solo offrendo la propria carne. Il male del mondo va portato e il dolore va condiviso, assorbendolo nella propria carne fino in fondo come ha fatto Gesù».

La concelebrazione della messa crismale vede presenti oggi nella basilica vaticana i cardinali, i vescovi e i sacerdoti che si trovano a Roma. Nel corso della liturgia, dopo la rinnovazione delle promesse sacerdotali, vengono benedetti dal Papa l'olio dei catecumeni, l'olio degli infermi e il crisma. Quest'anno l'olio arriva da Castelserar (Spagna), mentre il profumo per il crisma è stato confezionato a Calangianus (Sassari).
Alla processione degli oli nella basilica partecipano catecumeni, infermi, cresimandi e seminaristi appartenenti a quattro parrocchie romane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive