Martedì 11 Dicembre 2018 | 14:52

GDM.TV

i più visti della sezione

Molotov contro seggio nel trevigiano

VITTORIO VENETO (TREVISO) - Tre bottiglie incendiarie ed un rudimentale ordigno esplosivo, confezionato artificialmente, che fortuitamente non è scoppiato, sono stati lanciati la scorsa notte, poco dopo le 3, contro le pareti di una scuola elementare di Vittorio Veneto, sede di un seggio elettorale.
Al momento, all'interno, si trovavano soltanto alcuni militari della guardia di finanza per il normale servizio d'ordine. Il gesto, secondo quanto si è appreso, sarebbe stato rivendicato con alcuni volantini lasciati sul posto.
I carabinieri, da alcune ore stanno procedendo a perquisizioni in abitazioni della zona. Non si registrano danni a persone e le operazioni di voto, questa mattina, sono regolarmente iniziate.

Gli attentatori hanno preso di mira il seggio situato nella scuola elementare Parravicini nell'omonima via nella zona di Serravalle.
I carabinieri per ora mantengono il riserbo sul contenuto dei volantini recuperati: sul posto stanno investigando militari del Ros di Padova.

Il testo dei volantini lasciati sul posto sarebbe riferito alla politica del Paese e alla campagna elettorale di entrambi i poli. I volantini, secondo quanto si è appreso, sarebbero una decina di copie e il testo non raggiungerebbe la ventina di righe.
Del fatto è stato informato il pm trevigiano, Valmassoi, che è ora in attesa di avere il testo dei volantini che, come è stato confermato, è stato fatto da un gruppo anarchico.
I carabinieri hanno fatto scattare numerose perquisizioni anche fuori dal Trevigiano a carico di persone legate ad ambienti anarchici. Sempre secondo quanto si è appreso, gli attentatori avrebbero utilizzato tre molotov che hanno provocato solo qualche fiammata, senza causare gravi danni allo stabile.

LA RIVENDICAZIONE DA UN GRUPPO ANARCHICO
Il volantino lasciati la scorsa notte dagli attentatori dopo aver scagliato le tre molotov contro la scuola elementare sede di seggio a Vittorio Veneto è firmato dal «Gruppo libertario» appartenente all'area anarchica.
La firma «Gruppo libertario», secondo quanto si è appreso, era già apparsa il 4 novembre scorso a Maserada, un comune a una decina di chilometri da Treviso. In quella occasione sul muro perimetrale di una caserma dismessa del XV Reggimento genieri di Padova, erano apparse frasi contro l'esercito. Anche in quella occasione furono lasciati dei volantini in cui si invitava la popolazione a prendersi il territorio, scacciando dall'area ogni luogo di proprietà militare.
Nei volantini lasciati oggi nel Vittoriese, da quanto è filtrato, gli attentatori oltre a sottolineare la loro rivolta contro l'esercito, hanno fatto riferimento alle istituzioni e alla politica, su varie tematiche attuali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi