Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:51

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Infibulazione: denunciati genitori

VERONA - Nella vicenda della nigeriana che praticava mutilazioni genitali, la squadra mobile di Verona ha denunciato anche i quattro genitori delle due neonate sulle quali la donna aveva praticato o stava per praticare l'intervento. L'ipotesi d'accusa per loro, formulata in base alla recente legge, è la stessa di quella a carico della nigeriana che, regolare in Italia, lavora presso un'impresa di pulizie.
La donna, secondo quanto è emerso dalle indagini, veniva contattata direttamente dai genitori e si recava a casa loro per praticare la mutilazione alle figlie appena nate. Per consentire l'intervento, gli stessi genitori avrebbero tenuto ferme le piccole.
L'attività investigativa è ora volta a verificare per quanto tempo e in quali altre circostanze la 43 enne potrebbe avere in precedenza fatto mutilazioni dello stesso tipo. La polizia avrebbe avuto non poche difficoltà nell'accertare l'intervento praticato alla bambina di due mesi a causa della cicatrizzazione della ferita. E' stato perciò necessario sottoporre la piccola vittima a esami strumentali per accertare la mutilazione avvenuta il 22 marzo scorso.
Quando la 43 enne è stata bloccata dalla polizia si è giustificata dicendo che stava andando a far visita a suoi connazionali e il padre della bimba di 14 giorni ha negato di aver chiamato la donna perchè praticasse la clitoridectomia a sua figlia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400