Martedì 11 Dicembre 2018 | 20:47

GDM.TV

i più visti della sezione

Il cadavere trovato sotto un cumulo di paglia. La solidarietà

il piccolo TommasoROMA - Il cadavere di Tommaso Onofri è stato trovato sotto un cumulo di paglia alto circa un metro. I Vigili del fuoco lo hanno individuato ad una ventina di metri dal punto in cui il corso del torrente Enza forma un' ansa, in una zona dove gli arbusti sono fitti.
A guidare le ricerche è stato lo stesso Mario Alessi, uno dei tre fermati per il sequestro, che dava indicazioni stando a bordo di un' auto della polizia, ferma poco distante dal luogo: indicazioni prima vaghe, poi sempre più precise.
I vigili del fuoco hanno cominciato a scavare nel cumulo di paglia e poco dopo è venuta alla luce la testa del bambino, quindi il corpicino, sporco di fango e coperto da brandelli di vestiti. Subito dopo i vigili del fuoco hanno lasciato il posto agli uomini della polizia scientifica che sono ancora impegnati nei rilievi.

BLOG 'TOMMASOLIBERO', INCREDULI E INDIGNATI
La notizia della morte del piccolo Tommaso Onofri è comparsa nella notte anche sulla home page del blog - www.tommasolibero.blogspot.com - allestito subito dopo il rapimento dal Comitato per la liberazione di Tommy, creato dall' amico di famiglia Claudio Borghi.
«Increduli e indignati - si legge - per l'atrocità che esseri così infimi e aberranti hanno potuto compiere. Non ci sono parole per descrivere quello che stiamo provando. In questo terribile momento siamo tutti uniti e vicini alla famiglia Onofri in un grande abbraccio».
Il bimbo è stato ucciso subito dopo il sequestro, perchè piangeva, ha confessato Mario Alessi, l'uomo che l'ha sequestrato, che ieri diceva davanti alle telecamere «i bambini? per me sono angeli».

DON DI NOTO, RICORDEREMO TOMMY IN GIORNATA MEMORIA BAMBINI VITTIME VIOLENZA
«Siamo vicini al dolore della famiglia ed eleviamo una intensa preghiera. Chiediamo, per gli autori di questo efferato delitto, pentimento e pena esemplare come monito affinchè non accadano mai più di questi fatti»: così don Fortunato Di Noto e l'associazione Meter, di cui è fondatore e presidente, dopo la scoperta della tragica fine del piccolo Tommaso Onofri. «Non desideravamo - prosegue Meter in una nota - che il nome del piccolo Tommaso si aggiungesse alla già lunga lista dei bambini che ogni anno vengono ricordati nella Giornata della memoria dei bambini vittime della violenza, dello sfruttamento e della indifferenza».
Il nome di Tommaso Onofri - conclude la nota - si aggiunge anche a quello di Fracesco Ferreri, il 13/enne ucciso lo scorso dicembre a Barrafranca (Enna) e del cui omicidio ancora non si conoscono gli autori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera