Domenica 16 Dicembre 2018 | 19:09

GDM.TV

Paleari (Lecce): «Ce la giocheremo fino alla fine»

SIENA - La salvezza è lontana ancora otto punti, un'eternità. Ma forse è proprio questo che consente al Lecce di giocare con scioltezza e provare a crederci. Un atteggiamento mentale che riconosce anche Franco Paleari, tecnico dei salentini: «Possiamo giocare tutte le partite senza guardare la classifica - ha detto a fine gara - giocandocele tutte e puntando a tirare le somme solo a fine campionato. Ora siamo in ottima condizione fisica, magari ci fossimo arrivati prima non saremmo in questa situazione».
Il tecnico sottolinea poi la buona prestazione dei suoi, che ha consentito di cogliere tre punti pesantissimi sul campo del Siena: «Abbiamo giocatori di qualità che possono fare sempre bene, come abbiamo dimostrato stasera. Sono contento per il ritorno di Stovini: aveva passato un periodo di riposo, mi fa piacere che sia tornato alla grande». E' lui a spiegare cosa è successo nella concitata azione che ha portato alla rete del Siena, provocando grandi proteste da parte dei suoi giocatori: «Eravamo convinti che l'arbitro avesse fischiato l'entrata pericolosa di Alberto, invece poi Pantana ci ha spiegato che aveva concesso una punizione al Siena per una trattenuta di Del Vecchio sullo stesso Alberto. Meno male che alla fine non ha inciso sul risultato».
La speranza viene tenuta accesa anche da Sicignano («finché c'è la minima possibilità abbiamo il dovere di giocarcela») e da Giacomazzi, autore della prima rete: «Negli ultimi due mesi abbiamo giocato bene, spesso siamo stati solo sfortunati. Ora ci proviamo, peccato che contro il Milan saremo costretti a lasciare il nostro stadio, ma anche a Pescara giocheremo con la stessa intensità di sempre».
Intensità che invece stasera è completamente mancata al Siena, come riconosce l'allenatore De Canio. «E' stata la nostra seconda peggiore partita dell'anno, la prima in assoluto è stata a Lecce all'andata. Ho sempre detto che non bisognava sottovalutare una squadra che considero dotata di ottimi valori tecnici, noi abbiamo contribuito con una prestazione poco lucida. Siamo stati molli e abbiamo subito più del dovuto il contraccolpo del gol iniziale, che ha avuto effetti disastrosi. Questo non è il mio Siena». Hanno pesato anche le assenze, perché a centrocampo hanno giocato un esterno come Foglio e D'Aversa è stato costretto a restare in campo novanta minuti nonostante le precarie condizioni fisiche. «Non voglio cercare alibi - osserva De Canio a questo proposito - ma avere giocatori fuori ruolo è sempre condizionante. Questa settimana abbiamo avuto troppi contrattempi, alla fine si sono visti anche in campo». Il futuro? «Non dobbiamo abbatterci - dice De Canio - ma ripartire dalle prestazioni che ci hanno consentito di arrivare a 35 punti, abbiamo le possibilità per centrare una salvezza tranquilla».
Magari con l'aiuto dei gol di Bogdani, che aumenta il suo record personale arrivando a quota nove. «Purtroppo oggi la mia rete non è servita a evitare la sconfitta - dice il centravanti bianconero - e purtroppo nell'occasione della traversa ho sbagliato, perché potevo segnare. Ora ci dobbiamo svegliare tutti e tornare a fare punti. Ringrazio i tifosi per lo striscione nella mia lingua, mi ha fatto molto piacere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia