Sabato 16 Gennaio 2021 | 07:51

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Un pentito rivela: il terrorismo islamico voleva avvelenare i tifosi inglesi negli stadi

LONDRA - Uno dei sette musulmani britannici sotto processo a Londra con l'accusa di avere legami con Al Qaida voleva avvelenare i tifosi distribuendo bevande contaminate negli stadi. Lo ha raccontato alla corte il pentito Mohammed Babar, condannato negli Usa per il suo coinvolgimento in un attentato terroristico e spedito dagli americani a testimoniare nel processo contro i sette uomini che ha conosciuto in Pakistan nel febbraio 2003.
Secondo Babar, Waheed Manhood, oltre a progettare l'avvelenamento dei tifosi, suggeriva di compiere attentati per far saltare la rete telefonica di British Telecom e si vantava di aver venduto hamburger avvelenati da qualche parte in Gran Bretagna, ma lo stesso superteste ha detto di non ritenere credibile quest'ultima affermazione.
Omar Khyam, 24 anni, il fratello Shujah Mahmood, di 18, Waheed Mahmood, 34, e Jawad Akbar (tutti originari di Crawley), Anthony Garcia, 23, di Ilford, Nabil Hussain, 20, di Horley e Salahuddin Amin, 30 di Luton avrebbero pianificato queste azioni tra il gennaio 2003 e il marzo 2004 quando furono arrestati dalla polizia che li teneva sotto controllo. Gli imputati si dichiarano innocenti. Il processo continua.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400