Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 08:36

GDM.TV

i più visti della sezione

George W. Bush sferra attacco frontale contro il governo bielorusso di Alexander Lukashenko: «Sono grato a coloro che lottano nell'oscurità per far ritornare la libertà in Bielorussia»

WASHINGTON - Durissima presa di posizione di George W. Bush contro il regime bielorusso di Alexander Lukashenko, all'indomani del blitz con cui le forze di sicurezza avevano costretto a forza gli oppositori a porre fine al presidio nel centro della capitale, Minsk, arrestandone diverse centinaia. Il presidente americano ha esortato l'intera comunità internazionale a «unirsi agli Stati Uniti nel condannare ogni forma di abuso, e nel reclamare che le autorità della Bielorussia rispettino i diritti dei loro stessi concittadini di esprimersi pacificamente». Bush nella nota si rivolge poi a coloro che contestano la vittoria di Lukashenko, ufficialmente plebiscitaria, nelle presidenziali che domenica scorsa lo avrebbero confermato in carica: «Sono grato a coloro che lottano nell'oscurità per far ritornare la libertà in Bielorussia», scrive il capo della Casa Bianca. «Il pensiero della nostra Nazione va a chi è stato maltrattato, arrestato, incarcerato e picchiato per il proprio impegno».
«Gli Stati Uniti continueranno a ergersi al fianco del popolo bielorusso, e di tutti quelli che stanno attivandosi per aiutare quel Paese a prendere il posto che gli spetta nella comunità delle democrazie», prosegue nel comunicato Bush.
Ieri il capo portavoce della Casa Bianca, Scott McClellan, nell'elogiare la decisione del Consiglio dell'Unione Europea di varare sanzioni a carico di Lukashenko e degli altri membri della nomenklatura della Repubblica ex sovietica, aveva annunciato l'imminente adozione «mirata» anche da parte di Washington di «iniziative parallele»: vale a dire di sanzioni finanziarie, come il congelamento dei beni, e di restrizioni agli spostamenti nei confronti dei medesimi personaggi; McClellan aveva inoltre sollecitato «il rilascio senza indugio» di tutti i manifestanti tratti in arresto per aver contestato l'esito delle elezioni, giudicate viziate da gravi brogli e irregolarità anche dagli osservatori indipendenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia