Martedì 26 Gennaio 2021 | 19:51

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa: sospetti su un uomo. A dare l'allarme alcuni vicini

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
Bariemergenza Covid
Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto. Altre persone sotto le macerie: 4 feriti gravi

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

i più letti

Italiani all'estero: le modalità di voto

La legge 459/2001 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la possibilità per gli italiani residenti all'estero di poter esercitare il diritto di voto. Secondo le ultime stime, gli italiani nel mondo sono circa 3,5 milioni. La comunità più cospicua si trova in Europa (circa 2 milioni) seguita quella nell'America del nord (885.000).
Ecco i punti principali della legge.
CHI PUO' VOTARE: tutti i cittadini italiani residenti all' estero che abbiamo compiuto entro il 9 aprile 18 anni (per il rinnovo della Camera) e 25 (per il rinnovo del Senato), iscritti all' Aire (l'anagrafe della popolazione italiana residente fuori dai confini nazionali) e registrati nelle liste elettorali della circoscrizione estero.
DOVE SI VOTA: in tutti i Paesi con i quali il governo italiano ha stipulato appositi accordi.
PER COSA SI VOTA: per eleggere i 12 deputati e i 6 senatori assegnati alla circoscrizione estero. Quest'ultima si compone di quattro ripartizioni: Europa (compresi i territori asiatici della Federazione russa e della Turchia), America settentrionale e centrale, America meridionale e Africa-Asia-Oceania-Antartide.
COME SI VOTA: l'elettore può decidere se esercitare la cosiddetta 'opzionè o se votare all'estero per corrispondenza.
CHE COS'E' L'OPZIONE: è la possibilità concessa all' elettore di recarsi in Italia e votare nel proprio Comune di appartenenza. Tale opzione poteva essere esercitata entro lo scorso 26 febbraio ed è valida per una sola consultazione elettorale.
COME SI VOTA PER CORRISPONDENZA: l'ufficio consolare invierà all'indirizzo dell'elettore un plico contenente il materiale elettorale. Tutte le buste affrancate dovranno pervenire all' ufficio consolare non oltre il 6 aprile, ore 16 locali.
CHI PUO' VOTARE ALL'ESTERO PER CORRISPONDENZA: tutti i cittadini italiani residenti all'estero iscritti nelle liste elettorali della circoscrizione estero. Coloro che non risultino in queste liste possono essere ammessi al voto facendo richiesta all'ufficio consolare italiano nel Paese di residenza entro 11 giorni dalla data delle elezioni. Potranno votare anche i cittadini temporaneamente all'estero per motivi di servizio o per missioni internazionali: personale delle forze armate o di polizia, professori universitari, ricercatori e dipendenti delle amministrazioni dello Stato.
IN QUALI PAESI NON E' POSSIBILE VOTARE: in 61 Paesi. Gli italiani residenti in questi Stati, ad eccezione dei militari in missione e dei dipendenti pubblici, dovranno recarsi a votare presso il seggio elettorale del proprio Comune d'origine.
CON QUALE METODO VENGONO ELETTI I CANDIDATI: All' estero si vota con il metodo proporzionale puro e col voto di preferenza. Le liste che si presentano nella circoscrizione estero possono contenere fino al doppio del numero di candidati eleggibili nella ripartizione dove si presentano (esempio: i seggi spettanti all'Europa per il Senato sono due; le liste hanno potuto presentare un massimo di quattro candidati).
COME FUNZIONA LO SCRUTINIO DELLE SCHEDE: l'Ufficio consolare invia le schede agli scali aeroportuali di Roma. L'ufficio centrale della circoscrizione estero costituirà a Castelnuovo di Porto (RM) un seggio per ogni 5.000 elettori con il compito di effettuare le operazioni di spoglio.
QUANTO COSTERA' FAR VOTARE GLI ITALIANI ALL'ESTERO: il ministero degli Interni stima per ogni elettore una spesa massima di 14,55 euro. Si prevedono 2,9 milioni di elettori per un totale di 42,7 milioni di euro.
A QUANTO AMMONTANO LE SPESE PER LA CAMPAGNA ELETTORALE ALL'ESTERO: Per ogni candidato è previsto un tetto massimo di 52.000 euro per ogni circoscrizione o collegio elettorale e di un 1 centesimo di euro per ogni cittadino residente nelle circoscrizioni o collegi elettorali nel quale il candidato si presenta. Per i partiti invece la spesa massima viene calcolata moltiplicando l'importo di un euro per ogni cittadino iscritto nelle liste elettorali delle circoscrizioni o dei collegi per Camera e Senato nelle quali è presente con liste o candidati.
AGEVOLAZIONI DI VIAGGIO E RIMBORSI: l'elettore che abbia esercitato l'opzione ha diritto ad un'agevolazione tariffaria applicata dagli enti interessati (ferrovie, autostrade, navi...) esclusivamente sul territorio nazionale. L' elettore che invece non si è potuto avvalere del voto per corrispondenza, e che quindi si è dovuto recare in Italia per votare, ha diritto al rimborso del 75% del costo del biglietto di viaggio.
CHE COS'E' L'AIRE: L'Aire, Anagrafe della popolazione italiana residente all'estero, è stata istituita nel 1990 e contiene tutti i dati dei cittadini italiani che hanno dichiarato di risiedere all'estero per un periodo superiore ai 12 mesi. Tutti gli italiani che intendono risiedere all'estero per un periodo superiore ad un anno devono comunicarlo all' ufficio consolare competente entro 90 giorni dall'espatrio. Ogni Comune ha la propria Aire che trasmette le informazioni di cui dispone all'Aire nazionale, che è stata istituita presso il ministero degli Interni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400